Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita in Italia per ordini superiori a € 29,90

Padre Pino Puglisi Beato

Profeta e martire

Versione cartacea

Editore: SAN PAOLO EDIZIONI
Pagine: 208
Genere: Santi
Altri generi: Testimonianza
ISBN: 9788821578861
Tipologia: Libro
Formato: 14x21
Anno di edizione:
Note: rilegato con copertina rigida e sovraccoperta
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 9,90

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 20.00
Editore: SAN PAOLO EDIZIONI
Pagine: 208
Genere: Santi
Altri generi: Testimonianza
ISBN: 9788821578861
Tipologia: Libro
Formato: 14x21
Anno di edizione: 2013
Note: rilegato con copertina rigida e sovraccoperta
"don Puglisi non è stato ucciso per ammonimento e per rappresentanza: è stato ucciso perché era lui e per quel che faceva. E' stato ucciso perché prete cattolico, perché sacerdote di Cristo... In questa morte leggiamo la morte di un prete per il suo ministero". (Gianni Baget Bozzo)

Il 15 settembre 1993 padre Pino Puglisi, parroco di Brancaccio, quartiere periferico di Palermo, veniva assassinato dalla mafia. Era il giorno del suo 56° compleanno. Cosa Nostra non era mai arrivata a tanto: uccidere un uomo di Chiesa sul sagrato della sua parrocchia. La Chiesa ne ha riconosciuto il martirio e il 25 maggio 2013 padre Pino Puglisi è beatificato a Palermo. Questa è la biografia ufficiale della beatificazione, scritta da monsignor Bertolone, appassionato postulatore della tappa finale della Causa di beatificazione. Il testo ricostruisce con amore e impegno gli ultimi anni della vita e del ministero di don Pino Puglisi, sacerdote vittima della mafia, in un racconto arricchito da profonde venature spirituali, che tratteggia la figura di un prete martire: per le parole di Vangelo che pronunciava, per la fede che sottraeva spazi alla criminalità, per le sue opere che sapevano reinventare la speranza.