Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a 29.90 €

Il potere dei senza potere

Versione cartacea

Editore: LA CASA DI MATRIONA
Pagine: 208
Genere: Politica
Altri generi: Testimonianze
ISBN: 9788897455059
Tipologia: Libro
Formato: 14x21
Anno di edizione:
Tag: I 30 libri da leggere almeno una volta nella vita, Nonni
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 15,00

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 14.90
Editore: LA CASA DI MATRIONA
Pagine: 208
Genere: Politica
Altri generi: Testimonianze
ISBN: 9788897455059
Tipologia: Libro
Formato: 14x21
Anno di edizione: 2013
Tag: I 30 libri da leggere almeno una volta nella vita, Nonni
Coedizione Itaca - La Casa di Matriona

Perché rileggere oggi Il potere dei senza potere, un testo scritto nel 1978 quando il blocco sovietico era ben saldo e Havel un «dissidente» tenuto sotto stretto controllo dalla polizia?
Nel contesto di crisi di identità che da anni affligge l’Italia e l’Europa, quest’opera sollecita a interrogarsi sul rapporto tra l’uomo e la politica, tra l’«io» e il potere.
Descrivendo un sistema post-totalitario, in cui l’«io» sembrerebbe condannato all’irrilevanza, sorprendentemente Havel ne fa invece il perno e il protagonista della vita pubblica perché «tutti coloro che vivono nella menzogna ad ogni momento possono essere folgorati dalla forza della verità» con esiti imprevedibili sul piano sociale: «nessuno sa quando una qualsiasi palla di neve può provocare una valanga».
La vita stessa di Havel mostra che un «io» non de-moralizzato, cioè non rassegnato alla menzogna, può diventare attore della trasformazione della storia di un Paese e dell’intera Europa: «Solo con una vita migliore si può costruire anche un sistema migliore».

In appendice sono proposti al lettore altri scritti di Havel: il primo storico discorso di Capodanno (1990); il discorso dedicato «alla speranza e alla morte» tenuto a Hiroshima nel 1995, così personale e così poco di circostanza; il discorso pronunciato a Parigi il 22 ottobre 2009, sul mistero della storia e le sorti del mondo; e infine alcuni brani dall’ultimo colloquio, per Havel così faticoso, registrato con il cardinal Duka nel novembre 2011 per la Televisione ceca, a meno di un mese dalla morte.

Prefazione di Marta Cartabia
VÁCLAV HAVEL è nato nel 1936 a Praga. Fin dagli anni Sessanta si è distinto nella dissidenza cecoslovacca al regime comunista, della quale divenne il leader per la sua straordinaria personalità. Ha dovuto subire alcuni anni di carcere per i suoi scritti e le sue idee, ma nel dicembre 1989 è diventato presidente della Cecoslovacchia, poi riconfermato nel luglio 1990; dopo la scissione del paese, è stato eletto due volte a presidente della Repubblica ceca, che ha guidato fino al 2003. Oltre che noto uomo politico, Havel è uno scrittore, un pensatore e soprattutto un drammaturgo di fama internazionale. Tra le sue opere ricordiamo: Moc bezmocných (Il potere dei senza potere), 1978; il delicatissimo libro Dopisy Olze (Lettere a Olga), 1982; Largo desolato, 1984; e Dálkový výslech (Interrogatorio a distanza), 1986.