Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita in Italia per ordini superiori a € 29,90

L'isola in via degli Uccelli

Versione cartacea

Editore: SALANI
Genere: Romanzi
Altri generi: Leggere in vacanza
Fasce di età: Teens
ISBN: 9788862560597
Tipologia: Libro
Formato: 13,5x19,5
Anno di edizione:
Note: rilegato con copertina rigida
Tag: Shoah
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 12,00

Disponibile in circa 3/4 gg

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 17.90
Editore: SALANI
Genere: Romanzi
Altri generi: Leggere in vacanza
Fasce di età: Teens
ISBN: 9788862560597
Tipologia: Libro
Formato: 13,5x19,5
Anno di edizione: 2012
Note: rilegato con copertina rigida
Tag: Shoah
Polonia. Ghetto di Varsavia. Prelevato dalle SS il padre e scomparsa nel nulla la madre, Alex, undici anni, si trova drammaticamente solo nel suo precario rifugio, un edificio diroccato colpito da una bomba all’inizio della guerra. E questo suo rifugio, un nido inaccessibile tra i tetti del ghetto, non è così diverso dall’isola deserta di Robinson Crusoe. Il ragazzo non ha altre risorse che la propria energia e il proprio ingegno per sopravvivere, per affrontare la paura, le lunghe notti invernali, il freddo, la fame. È solo, e ha davanti a sé un mondo terrificante. Ma è un bambino. E ha il coraggio e la straordinaria forza vitale dell’infanzia, perciò una visione del mondo che, anche in mezzo alla tragedia dell’Olocausto, non può fare a meno di contemplare il gioco.

"Le storie raccontate da Orlev hanno il dono dell’onestà e dell’umorismo, mentre i suoi personaggi imparano ad amare gli altri e ad accettare la propria diversità in un mondo estraneo. La sua scrittura è di alto livello letterario e mai sentimentale. Orlev ha la capacità di dire tantissimo con poche parole. E ci mostra come i bambini possano sopravvivere senza amarezza in tempi duri e terribili."
Premio H. C. Andersen 1996, la Giuria