Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a 29.90 €

La resistenza cancellata

Prefazione di Sandro Fontana

Versione cartacea

Editore: ARES
Pagine: 384
Genere: Storia contemporanea
ISBN: 9788881552672
Tipologia: Libro
Formato: 13x20
Collana:
Anno di edizione:
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 21,00

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 8.90
Editore: ARES
Pagine: 384
Genere: Storia contemporanea
ISBN: 9788881552672
Tipologia: Libro
Formato: 13x20
Collana: Faretra
Anno di edizione: 2003
La storia della resistenza italiana (1943-'45) liberata dalle distrorsioni dell'ideologia e consegnata al reale svolgimento dei fatti: è il tratto distintivo di queste pagine, che ricostruiscono avvenimenti decisivi del nostro Novecento, tali da essere ancora oggi a fondamento dell'ordinamento politico-istituzionale della nazione. Sul filo di una narrazione "revisionista" che attinge anche agli archivi moscoviti e alle memorie di alti dirigenti del comunismo internazionale, Finetti delinea un quadro dell'antifascismo e del fenomeno resistenziale ben diverso da quello fornito dalla storiografia militante del vecchio Pci e degli istituti culturali ad esso collegati, sottolineando la natura autenticamente popolare del movimento di liberazione nazionale e denunciando con raro puntiglio le falsità, i silenzi e le omissioni della "vulgata" comunista della Resistenza, tuttora dominante nei mass media e nella stessa manualistica scolastica, di cui l'autore presenta una impressionante esemplificazione. nella prefazione al volume Sandro Fontana, docente di Storia contemporanea all'Università di Brescia e già vicepresidente del Parlamento europeo, evidenzia la tensione morale e ideale che sorregge il lavoro di Finetti e rileva "la necessità di proseguire con nuove ricerche e documentazione nella direzione indicata da questo suo libro: e ciò nella convinzione che, per eliminare in maniera definitiva i carnefici ancora latenti nella nostra società, è soprattutto necessario demolire i pensieri, le mentalità, le menzogne, cioè l'intera cultura che continua a riprodurre i carnefici".