Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita in Italia per ordini superiori a € 29,90

G.K. Chesterton

L'enigma e la chiave

Versione cartacea

Editore: LINDAU
Genere: Letteratura inglese
Altri generi: Saggi
ISBN: 9788871809618
Tipologia: Libro
Formato: 12x24
Anno di edizione:
Tag: Visti su "AIC"
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 12,00

Disponibile in circa 3/4 gg

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 17.90
Editore: LINDAU
Genere: Letteratura inglese
Altri generi: Saggi
ISBN: 9788871809618
Tipologia: Libro
Formato: 12x24
Anno di edizione: 2011
Tag: Visti su "AIC"
Acuminato e tagliente come una spada, caldo e accogliente come un focolare inglese. Queste due immagini che Chesterton usava per definire l'ortodossia cristiana si attagliano perfettamente anche al loro autore. L'uomo dei paradossi era esso stesso un paradosso: razionale e passionale, libero e amante dell'ordine, enigmatico e solare.
Non fu filosofo, ma nei suoi libri di trova la migliore filosofia, e questo libro ne ricostruisce il percorso attraverso saggi, romanzi, palphlet polemici, articoli. Impossibile ricavarne un sistema, semmai - secondo l'uso della scolastica - glosse, note a margine, appunti di lettura. Ne emerge alla fine il quadro di un realista in lotta con il nichilismo, di un razionalista in lotta con i razionalisti, di un uomo libero in lotta con i libertari, di uno spirito religioso in lotta con le religioni, di un uomo che infine abbracciò la follia della Croce per combattere la pazzia del riduzionismo moderno, tenendo fede al suo motto: "Per uno che sappia appena tenere in mano una spada è sempre un onore accettare un duello."
Rileggere Chesterton aiuta a diventare protagonisti della sfida lanciata da Benedetto XVI alla postmodernità: "Allargare i confini della ragione".

Prefazione di Stefano Alberto