Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita in Italia per ordini superiori a € 29,90

Scritti su Dante

Versione cartacea

Editore: BOMPIANI
Pagine: 93
Genere: Saggi
ISBN: 9788845250378
Tipologia: Libro
Formato: 12.5 x 19
Collana:
Anno di edizione:
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 9,00

Disponibile in circa 3/4 gg

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 20.90
Editore: BOMPIANI
Pagine: 93
Genere: Saggi
ISBN: 9788845250378
Tipologia: Libro
Formato: 12.5 x 19
Collana: Tascabili Bompiani
Anno di edizione: 2001
Il libro comprende tre saggi che muovendo dall'esercizio critico di un dantista sui generis diventano una messa a punto della poetica personale, uno strumento creativo.
Nel primo saggio Eliot riflette sul nesso, possibile e realizzato da Dante, tra il linguaggio della poesia e il linguaggio della contemplazione filosofica.
Il secondo saggio pone l'accento sul fatto che il poema dantesco, nato in un'epoca di unità culturale europea, si presenta come una grande metafora di formidabile coerenza, dove non si possono separare gli elementi poetici da quelli sapienziali.
Nel terzo scritto Eliot esamina l'influenza che la lettura di Dante ha esercitato sulla sua opera.
Eliot nacque a Saint Louis nel Missouri, il 26 settembre 1888. Nel 1906 si iscrisse a Harvard. Gli anni universitari e l’ambiente intellettualmente assai vivo di Boston anteguerra furono fondamentali nella formazione di Eliot, che in questo periodo scoprì Donne e i metafisici, gli elisabettiani, i postsimbolisti francesi Laforgue e Corbière; attraverso la mediazione di Pound scoprì gli stilnovisti e soprattutto Dante Alighieri. Nel 1910-11 soggiornò a Paris dove frequentò la Sorbona, entrando in contatto con Fournier e Rivière. Trascorse un altro triennio a Harvard, poi nel 1915 si stabilì definitivamente a Londra. Qui lavorò come impiegato alla Lloyds Bank; solo in seguito, grazie ai primi successi letterari, riuscì a dedicarsi definitivamente all’attività letteraria. Nel 1923 divenne direttore della rivista «Criterion», poi della casa editrice Faber & Faber. Eliot ottenne nel 1927 la cittadinanza inglese e si convertì all’anglicanesimo. Nel 1948 gli dettero il nobel («for his outstanding, pioneer contribution to present-day poetry»). Morì a Londra il 4 gennaio 1965.