Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a € 29,90

Cori da "La Rocca"

Versione cartacea

A cura di: Roberto Sanesi (traduzione)
Editore: RIZZOLI
Pagine: 136
Genere: Letteratura inglese
Altri generi: Teatro, Classici della letteratura
ISBN: 9788817043625
Tipologia: Libro
Formato: 12x19
Collana:
Anno di edizione:
Note: testo inglese a fronte; I edizione BUR Biblioteca dello spirito cristiano
Tag: Visti su "AIC"
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 8,00

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 21.90
A cura di: Roberto Sanesi (traduzione)
Editore: RIZZOLI
Pagine: 136
Genere: Letteratura inglese
Altri generi: Teatro, Classici della letteratura
ISBN: 9788817043625
Tipologia: Libro
Formato: 12x19
Collana: Biblioteca dello spirito cristiano
Anno di edizione: 2010
Note: testo inglese a fronte; I edizione BUR Biblioteca dello spirito cristiano
Tag: Visti su "AIC"
E' la Chiesa che ha abbandonato l'umanità, o è l'umanità che ha abbandonato la Chiesa?

Scritto su commissione, "La Rocca" fu rappresentato nel 1934 allo scopo di raccogliere fondi per la costruzione di un parrocchia nei sobborghi di Londra. T.S. Eliot, già consacrato dalla critica come uno dei nuovi maestri del '900, per questo testo insolito rischiò la reputazione.
In questi Cori da "La Rocca", la più snobbata ma soprattutto la più profetica opera di un grande della poesia di tutti i tempi, Eliot propone, con la sua tipica mescolanza di ironia e di alta drammaticità, pagine di straordinario impatto emotivo, in cui la desolazione della vita senza significato e il destino della Chiesa nel mondo sono scrutati con la sensibilità e l'intelligenza del poeta e del fedele che non risparmia alla sua epoca e a se stesso interrogativi e "smitizzazioni".
Presentata da uno dei maggiori poeti italiani, l'opera è accompagnata da una pratica guida alla lettura che la rende accessibile a tutti e ne evidenzia le provocazioni.
Questa edizione mantiene il testo inglese a fronte.

Introduzione di Piero Bigongiari
Commento di Davide Rondoni
Eliot nacque a Saint Louis nel Missouri, il 26 settembre 1888. Nel 1906 si iscrisse a Harvard. Gli anni universitari e l’ambiente intellettualmente assai vivo di Boston anteguerra furono fondamentali nella formazione di Eliot, che in questo periodo scoprì Donne e i metafisici, gli elisabettiani, i postsimbolisti francesi Laforgue e Corbière; attraverso la mediazione di Pound scoprì gli stilnovisti e soprattutto Dante Alighieri. Nel 1910-11 soggiornò a Paris dove frequentò la Sorbona, entrando in contatto con Fournier e Rivière. Trascorse un altro triennio a Harvard, poi nel 1915 si stabilì definitivamente a Londra. Qui lavorò come impiegato alla Lloyds Bank; solo in seguito, grazie ai primi successi letterari, riuscì a dedicarsi definitivamente all’attività letteraria. Nel 1923 divenne direttore della rivista «Criterion», poi della casa editrice Faber & Faber. Eliot ottenne nel 1927 la cittadinanza inglese e si convertì all’anglicanesimo. Nel 1948 gli dettero il nobel («for his outstanding, pioneer contribution to present-day poetry»). Morì a Londra il 4 gennaio 1965.