Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a € 29,90

Fammi sapere perché

Il tema del dolore da Giobbe a Gesù di Nazareth

Versione cartacea

Editore: ITACA
Pagine: 112
Genere: Saggistica
ISBN: 9788852606762
Tipologia: Libro
Formato: 14x21
Collana:
Anno di edizione:
Note: brossurato con alette
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 9,50 € 10,00
-5%

Di prossima pubblicazione/in uscita

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 20.40
Editore: ITACA
Pagine: 112
Genere: Saggistica
ISBN: 9788852606762
Tipologia: Libro
Formato: 14x21
Collana: De-Sidera
Anno di edizione: 2021
Note: brossurato con alette

C’è un interrogativo che sale dal cuore della terra e che nel Figlio di Dio è divenuto un lacerante grido al Cielo: «Perché?».
Fin dalla notte dei tempi l’umanità si è scontrata con la dura roccia del dolore, talora urtando violentemente contro di essa, altre volte fuggendola con orrore oppure cercando di scalarla per dominarla.
Ma il gemito del morire di Gesù — che riassume quello di ogni figlio dell’uomo — si è fatto, al mattino di Pasqua, grido di gioia, nel cuore della Madre Chiesa, per la nascita dell’uomo nuovo.
Le pagine del seguente volume, nate in un contesto di lectio divina, fanno risuonare dapprima il lamento di Giobbe, che si innalza fino alla bestemmia disperata e impotente, e poi quello di Gesù, il «Santo che soffre» (G. Ungaretti), nel quale si rivela l’amore di Dio, che non vuole la morte dell’uomo, ma che egli viva e assuma la sua esistenza come una vocazione e un compito da realizzare in alleanza con Lui.

È noto l’interrogativo degli antichi:
«Se c’è un Dio giusto, perché il male?
E se c’è il male, può esserci un Dio giusto?».

Chi, come Giobbe, pone domande a Dio,
e lo fa con coraggio,
non troverà risposte razionalmente esaurienti
al perché della sofferenza,
ma troverà Dio stesso in persona,
nella cui luce si svela il senso profondo
del vivere e del morire.

Sandro Carotta