Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a 29.90 €

La fine dell'epoca moderna

Il potere

Versione cartacea

Editore: MORCELLIANA
Genere: Filosofia contemporanea
ISBN: 9788837215002
Tipologia: Libro
Formato: 12x20
Anno di edizione:
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 16,50

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 13.40
Editore: MORCELLIANA
Genere: Filosofia contemporanea
ISBN: 9788837215002
Tipologia: Libro
Formato: 12x20
Anno di edizione: 2007
Libro che ha anticipato l'attuale dibattito sulla post-modernità, La fine dell'epoca moderna (1950) è il luogo in cui Guardini dà il meglio di sé come filosofo e teologo. Con radicalità teoretica, ma anche con sensibilità letteraria, Guardini traccia i lineamenti dell'affermarsi dell'idea di modernità. Un'idea che si compie e si disintegra con la prima guerra mondiale. Non è la logica stessa della modernità - si chiede Guardini - a metter capo ad un inaspettato ritorno del caos, interno ed esterno? "L'uomo sta nuovamente di fronte al caos... In questo secondo caos si sono riaperti tutti gli abissi delle origini".
Che ne è del kerygma cristiano che "non ha ancora un nome"? Con disicanto Guardini rigetta ogni nostalgia restauratrice. Certo, all'altezza dei tempi "la solitudine della fede sarà tremenda"; non v'è qui un kairos provvidenziale? "La fede diviene più parca, ma anche più pura e più grave": una fede in cui rivive l'idea cristiana di persona. E Gli scuotimenti che caratterizzano la nuova epoca, non comportano la necessità di reinterrogarsi i fondamenti del concetto di Potere? E' quanto Guardini fa nel secondo saggio qui raccolto (1951), dispiegando una lucida, e straordinariamente attuale, analisi delle radici teologiche e antropologiche del potere.
ROMANO GUARDINI, nato a Verona nel 1885, è per riconoscimento unanime uno dei filosofi e teologi cattolici più significativi del XX secolo. Dapprima libero docente di Dogmatica cattolica a Bonn e Breslau, ricoprì dal 1923 la cattedra di Filosofia della religione e di Weltanschauung cattolica a Berlino, Tubinga e infine Monaco, dove morì nel 1968.