Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a 29.90 €

Gesù Cristo

La sua figura negli scritti di Paolo e di Giovanni

Versione cartacea

Editore: VITA E PENSIERO
Genere: Saggi
ISBN: 9788834301876
Tipologia: Libro
Formato: 16 x 22
Anno di edizione:
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 15,49

Disponibile in circa 10 gg

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 14.41
Editore: VITA E PENSIERO
Genere: Saggi
ISBN: 9788834301876
Tipologia: Libro
Formato: 16 x 22
Anno di edizione: 1999
In ideale continuità con la riflessione svolta nelle meditazioni de Il Signore, Romano Guardini abbozza in questo saggio «la figura di Cristo che domina l’orizzonte della proclamazione dell’annuncio cristiano in Paolo e in Giovanni». Riferendosi direttamente alle fonti neotestamentarie, Guardini ci mostra i lineamenti essenziali dell’immagine viva di Gesù trasmessa dagli scritti paolini e giovannei; ne circoscrive la peculiare fisionomia; ricostruisce l’universo d’esperienza e di sensibilità cristiana dei rispettivi autori, così che il lettore possa percepire la densità non solo teologica, ma anche esistenziale della loro testimonianza. Il fine è «rendere visibile al nostro sguardo l’autentica, e insieme unica ed eccezionale, umanità di Colui che è il Figlio di Dio e, insieme, il figlio dell’uomo». Seguendo questo intento, il volume si apre con una densa introduzione alla «conoscenza di Gesù Cristo»: alle forme in cui può attuarsi, alle fonti cui deve rivolgersi, ai presupposti che devono essere soddisfatti e ai metodi che è necessario adottare perché essa abbia reali possibilità di riuscita. Quindi tratteggia la fisionomia di Cristo, così come emerge dalla conversione e dall’intensa attività apostolica di Paolo. Infine conduce all’immagine di Cristo che ci incontra attraverso la meditazione di Giovanni e la profondità del legame d’affezione con il Signore del «discepolo che Gesù amava».
ROMANO GUARDINI, nato a Verona nel 1885, è per riconoscimento unanime uno dei filosofi e teologi cattolici più significativi del XX secolo. Dapprima libero docente di Dogmatica cattolica a Bonn e Breslau, ricoprì dal 1923 la cattedra di Filosofia della religione e di Weltanschauung cattolica a Berlino, Tubinga e infine Monaco, dove morì nel 1968.