Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
Ok

Leopardi e Manzoni

Il viaggio verso l’infinito

Versione
cartacea
€ 14,00 ( -15%)
€ 11,90
Disponibile
Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 15.90
Tipologia
ISBN
9788852601736
Genere
Altri generi
Editore
Collana
Pagine
208
Formato
15x23
Anno
De-siderio: mancanza di stelle. Le etimologie sono a volte particolarmente eloquenti. L’uomo è propriamente colui che “de-sidera”, che sente la “mancanza delle stelle”: da quando l’uomo alzò lo sguardo verso il cielo stellato, ha sempre riconosciuto con stupore di essere pieno di questa sete struggente.
Il poeta è colui che soffre e testimonia questo dato: egli vigila per sé e per tutti a guardia del cuore “de-sideroso”. La morte di questo cuore significherebbe infatti per l’uomo, propriamente, un dis-astro: buio totale, tenebra di una vita non solo priva di senso, ma della domanda stessa di un senso ultimo. Dai Promessi Sposi di Manzoni (si ricordi la memorabile pagina che chiude il cap. XX, con l’Innominato che fissa gli occhi verso il sole, in un rosso tramonto), alle Ricordanze di Leopardi («delle sere io solea passar gran parte / mirando il cielo») costante è questa direzione dello sguardo verso il luogo della pienezza ultima.
Anche nella Divina Commedia la parola “stelle” sigilla le tre cantiche: simboleggia infatti la meta dell’homo viator, il termine verso cui si protende il suo cuore.
Cinque secoli dopo Dante, toccherà a Manzoni la ventura di ripercorrere integralmente questo viaggio “comico”, in radicale antitesi con la dinamica “tragica” del leopardiano Pastore errante.
De-siderio: mancanza di stelle. Le etimologie sono a volte particolarmente eloquenti. L’uomo è propriamente colui che “de-sidera”, che sente la “mancanza delle stelle”: da quando l’uomo alzò lo sguardo verso il cielo stellato, ha sempre riconosciuto con stupore di essere pieno di questa sete struggente.
Il poeta è colui che soffre e testimonia questo dato: egli vigila per sé e per tutti a guardia del cuore “de-sideroso”. La morte di questo cuore significherebbe infatti per l’uomo, propriamente, un dis-astro: buio totale, tenebra di una vita non solo priva di senso, ma della domanda stessa di un senso ultimo. Dai Promessi Sposi di Manzoni (si ricordi la memorabile pagina che chiude il cap. XX, con l’Innominato che fissa gli occhi verso il sole, in un rosso tramonto), alle Ricordanze di Leopardi («delle sere io solea passar gran parte / mirando il cielo») costante è questa direzione dello sguardo verso il luogo della pienezza ultima.
Anche nella Divina Commedia la parola “stelle” sigilla le tre cantiche: simboleggia infatti la meta dell’homo viator, il termine verso cui si protende il suo cuore.
Cinque secoli dopo Dante, toccherà a Manzoni la ventura di ripercorrere integralmente questo viaggio “comico”, in radicale antitesi con la dinamica “tragica” del leopardiano Pastore errante.
continua a leggere
© Itaca srl - P.IVA 02014470393 - 2007-2015 - Tutti i diritti riservati - Informazioni societarie -
Grafica e Comunicazione:
Andrea Cimatti

Piattaforma eCommerce e Sviluppo sito:
Endurance
Credits