Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a € 29,90

Lungo i fiumi

Fotografie e conversazioni

Versione cartacea

A cura di: Giovanni Chiaramonte; traduzione di Laura Tasso
Editore: ITACA
Pagine: 144
Genere: Fotografia
ISBN: 9788852601880
Tipologia: Libro
Formato: 15,5x21,5
Collana:
Anno di edizione:
Note: edizione italiana (ediz. orig. Along Some Rivers, Aperture Foundation, Inc. Maggio 2006); 30 fotografie in bicromia; edizione in brossura con alette
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 18,05 € 19,00
-5%

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 11.85
A cura di: Giovanni Chiaramonte; traduzione di Laura Tasso
Editore: ITACA
Pagine: 144
Genere: Fotografia
ISBN: 9788852601880
Tipologia: Libro
Formato: 15,5x21,5
Collana: Fotografia Ultreya
Anno di edizione: 2008
Note: edizione italiana (ediz. orig. Along Some Rivers, Aperture Foundation, Inc. Maggio 2006); 30 fotografie in bicromia; edizione in brossura con alette
Lungo i fiumi presenta una raccolta di interviste con il fotografo americano Robert Adams e una selezione di immagini di paesaggio per lo più inedite.
Le conversazioni affrontano i temi fondamentali dell’oggi: il compito dell’arte e la responsabilità dell’artista, la condizione umana e culturale dell’Occidente, la necessità e la difficoltà della speranza nell’epoca del nichilismo e del materialismo contemporanei. Le fotografie testimoniano della forza della luce nell’orizzonte del mondo. Come scrive Adams: “Le fotografie sono i luoghi che amo. Vederli ha significato tutto. Le fotografie sono l’unica risposta che proporrei ad alcune domande”.

Coedizione Ultreya/Itaca, Milano-Castel Bolognese
Collana diretta da Giovanni Chiaramonte

2009: Robert Adams vince il prestigioso Hasselblad Foundation International Award in Photography. La Fondazione riconosce nei suoi scatti “documenti formidabili che riflettono i confini, le preoccupazioni globali sull’ambiente, eppure intravedono i segni umani e gli elementi di speranza nei cambiamenti di paesaggio”.

«Non ci sono molti grandi fiumi nell’Ovest americano, ma c’è un buon numero di torrenti, piccoli corsi d’acqua e canali d’irrigazione, sorgenti e rami di fiumi.
Dopo aver fotografato questo paesaggio dovrei cercare di parlarne? Per quale ragione o dovere? Forse soltanto per il privilegio di aver visto l’Ovest quando era più aperto, così che nulla di quanto è avvenuto da allora, per quanto brutto, possa oscurarne del tutto la promessa».
dalla Prefazione dell'Autore
ROBERT ADAMS, nato nel 1937, si è formato in California, e negli ultimi quarant’anni ha fotografato la drammatica mutazione dell’Ovest americano da landscape incontaminato a paesaggio globalizzato. Coscientemente legata al realismo, la sua opera tratta all’inizio l’enorme allargamento dell’area urbana di Denver negli anni ’60 e ’70 e il venir meno della natura incontaminata nei dintorni di Los Angeles tra gli anni ’70 e ’80. Affronta quindi il tema poetico dei grandi fiumi dell’Ovest e il dramma della deforestazione nel corso dell’ultimo mezzo secolo. Fra i suoi molti libri: The New West, From the Missouri West, Summer Nights, Los Angeles Spring, To Make It Home, Listening to the River, West from the Columbia, What We Bought, Turning Back. Robert Adams ha ricevuto i riconoscimenti e i premi Guggenheim nel 1973 e 1980, MacArthur Foundation nel 1994, Spectrum International Prize nel 1995, Deutsche Börse Photography Prize nel 2006.