Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
Ok

Il sindaco contadino

L'ideale di costruire il bene comune

Versione
cartacea
€ 10,00 ( -15%)
€ 8,50
Disponibile
Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 19.90
Tipologia
ISBN
9788852604270
Genere
Altri generi
Editore
Curatore
Eugenio Dal Pane
Pagine
144
Formato
14x21
Anno
Note
contiene fotografie in b/n; brossurato con alette

«Fare politica è un lavoro martiriale, perché bisogna andare tutto il giorno con quell’ideale di costruire il bene comune».

Queste parole di papa Francesco sintetizzano il senso dell’esperienza narrata nel libro Il sindaco contadino, quella di un uomo rimasto sempre attaccato al proprio lavoro di contadino, che si è impegnato in diversi settori – politica, sindacato, cooperazione – con un unico intento: fare qualcosa che potesse contribuire a migliorare le condizioni di vita e di lavoro dei propri concittadini e, in particolare, di chi vive in agricoltura.

Emerge uno spaccato di vita dell’Italia, ricostruita dopo le ferite della guerra grazie al generoso e gratuito impegno di uomini che, nella diversità di prospettive ideali, si spesero per edificare una società più giusta e solidale. Al tempo stesso, mentre il Paese sta vivendo uno dei momenti più difficili della sua storia recente, queste pagine suonano come un invito a ritrovare la strada del sacrificio, della moralità, della solidarietà e dell’impegno per il bene comune.

«Siamo in una situazione indubbiamente difficile, dalla quale non si potrà uscire senza una inversione di rotta che dovrebbe coinvolgere non solo la classe politica, ma la società nel suo insieme».

«Fare politica è un lavoro martiriale, perché bisogna andare tutto il giorno con quell’ideale di costruire il bene comune».

Queste parole di papa Francesco sintetizzano il senso dell’esperienza narrata nel libro Il sindaco contadino, quella di un uomo rimasto sempre attaccato al proprio lavoro di contadino, che si è impegnato in diversi settori – politica, sindacato, cooperazione – con un unico intento: fare qualcosa che potesse contribuire a migliorare le condizioni di vita e di lavoro dei propri concittadini e, in particolare, di chi vive in agricoltura.

Emerge uno spaccato di vita dell’Italia, ricostruita dopo le ferite della guerra grazie al generoso e gratuito impegno di uomini che, nella diversità di prospettive ideali, si spesero per edificare una società più giusta e solidale. Al tempo stesso, mentre il Paese sta vivendo uno dei momenti più difficili della sua storia recente, queste pagine suonano come un invito a ritrovare la strada del sacrificio, della moralità, della solidarietà e dell’impegno per il bene comune.

«Siamo in una situazione indubbiamente difficile, dalla quale non si potrà uscire senza una inversione di rotta che dovrebbe coinvolgere non solo la classe politica, ma la società nel suo insieme».

continua a leggere
© Itaca srl - P.IVA 02014470393 - 2007-2015 - Tutti i diritti riservati - Informazioni societarie -
Grafica e Comunicazione:
Andrea Cimatti

Piattaforma eCommerce e Sviluppo sito:
Endurance
Credits