Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a 29.90 €

Le origini della guerra civile spagnola

Versione cartacea

Editore: EDIZIONI DELLA MERIDIANA
Genere: Storia contemporanea
ISBN: 9788860070067
Tipologia: Libro
Formato: 14x21
Anno di edizione:
Note: brossurato con alette
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 20,00

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 9.90
Editore: EDIZIONI DELLA MERIDIANA
Genere: Storia contemporanea
ISBN: 9788860070067
Tipologia: Libro
Formato: 14x21
Anno di edizione: 2006
Note: brossurato con alette
La guerra civile spagnola è uno di quegli eventi culminanti delle ribellioni mondiali degli anni Trenta che portarono alla seconda guerra mondiale, e in questo contesto deve essere analizzata. Le sfide affrontate dalla Spagna, sebbene serie, non erano eccezionali, e non fu la loro gravità intrinseca, ma la risposta che dettero loro i politici e i partiti che le rese insolubili e che condusse alla guerra.
In questo studio Moa sostiene che l'insurrezione dell'ottobre 1934 costituisce, rigorosamente, l'inizio della guerra spagnola e non un episodio distinto o un semplice precedente. Anche se la tesi non è nuova, certamente è nuova la sua dimostrazione conclusiva, a partire dai documenti interni del PSOE, molti dei quali sconosciuti. Ed è pure nuovo il chiarimento sui motivi del PSOE e dell'Esquerra catalana che scelsero la strada della guerra civile (così fu pensata esplicitamente l'insurrezione del 1934).
La ricerca porta alla luce altri aspetti poco conosciuti dell'epoca: il tentativo di un colpo di forza di Azaña nel 1934, la capacità di ribellione dell'Esquerra avvenuta alcuni mesi prima di ottobre o quella del grande sciopero contadino di giugno, il processo di esclusione di Besteiro dagli organi direttivi della UGT, dovuto alla sua opposizione alla via insurrezionale.