Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita in Italia per ordini superiori a € 29,90

Per il cinema

Versione cartacea

Editore: MONDADORI
Pagine: 3504
Genere: Letteratura italiana
ISBN: 9788804489412
Tipologia: Libro
Formato: 10x16
Anno di edizione:
Note:
Tag: Biblioteca pasoliniana
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 120,00

Disponibile in circa 3/4 gg

Spedizione gratuita aggiungendo questo libro
Editore: MONDADORI
Pagine: 3504
Genere: Letteratura italiana
ISBN: 9788804489412
Tipologia: Libro
Formato: 10x16
Anno di edizione: 2001
Note:
Tag: Biblioteca pasoliniana
È la prima raccolta completa delle sceneggiature di Pasolini: testi che l'autore spesso ha curato come se fossero un vero e proprio "genere letterario", e che sono fra i più interessanti per come toccano, nell'opera dello scrittore, nervi scoperti. Il cinema non è solo il veicolo più potente per rendere Pasolini un artista "scandaloso", ma anche il mezzo espressivo che più di ogni altro si presta a testimoniare la poesia che esiste nella realtà.
Il Meridiano, che comprende moltissimi inediti - fra i quali L'histoire du soldat e due sorprendenti soggetti intitolati Un viaggio a Citera e L'ultimo poeta espressionista -, per la prima volta dà modo di verificare appieno lo sperimentalismo pasoliniano della scrittura per il cinema.
Fra le novità, le più importanti sono la scoperta di un testo "follemente dannunziano" del 1940, Il giovine della primavera, che è in assoluto la prima sceneggiatura di Pasolini, e le nuove testimonianze della collaborazione con Federico Fellini, non limitata a un episodio delle Notti di Cabiria, come si pensava fin qui, ma estesa alla Dolce vita e a un film mai realizzato che avrebbe dovuto intitolarsi Viaggio con Anita. Riserva delle sorprese anche il testo del commento in versi al film-documentario La rabbia, mai pubblicato nella sua interezza, che è una lettura poetica di immagini di repertorio affidata da Pasolini, nel film, alle voci di Renato Guttuso e Giorgio Bassani. Il volume è introdotto dagli scritti di tre "professionisti del cinema": Bernardo Bertolucci, Mario Martone, Vincenzo Cerami. La curatela è affidata al direttore dell'edizione, Walter Siti, coadiuvato da Franco Zabagli.