Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a 29.90 €

L'aldilà della ragione

ovvero dal confronto tra discipline scientifiche e teologiche, i percorsi convergenti della ragione e della fede

Versione cartacea

Editore: ITACA
Pagine: 212
Genere: Outlet
ISBN: 9788852600975
Tipologia: Libro
Formato: 15x21
Collana:
Anno di edizione:
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 4,66 € 4,90
-5%

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 25.00
Editore: ITACA
Pagine: 212
Genere: Outlet
ISBN: 9788852600975
Tipologia: Libro
Formato: 15x21
Collana: Saggi
Anno di edizione: 2005
L’individuo è solo nell’immensità dell’indifferente universo? È mai esistito il niente? Da che cosa è nato ciò che è? Quale volontà lo ha prodotto? La realtà che stiamo vivendo è la sola ammissibile, oppure ne esistono altre?
Queste e molte altre sono le domande a cui questo libro cerca di dare risposta.
Consapevoli della coesistenza nell’uomo della condizione terrena e della vocazione al trascendente, gli Autori tentano di conciliare le relative problematiche con atteggiamento critico e a volte conflittuale, ma mai rassegnato, protesi ad inaugurare criteri nuovi per analizzare i temi dibattuti.

Prefazione del filosofo p. Roberto Busa S.J.
NICOLA MOREA è nato a Napoli nel 1941. Docente titolare di Matematica e Fisica negli Istituti Superiori Statali di Roma e Milano. Specializzatosi poi in Ingegneria Geotecnica, per più di dieci anni ha soggiornato in Est-Africa e Medio Oriente, in India, Indonesia, Filippine e Sud-America, occupandosi di edilizia industriale e progettazione di piste aeroportuali. Ricercatore per vocazione, ha indagato le problematiche sociali e umane delle popolazioni incontrate, intraprendendo specifici studi storici e antropologici, approfonditi grazie ad opportune acquisizioni filosofiche e teologiche. La necessità di risposte convincenti circa il problema dell'esistenza ha dato l'impulso più forte al suo impegno di ricerca, esercitato anche con la saggistica e la narrativa, stimolando in lui lo sforzo di conciliare la propria cultura essenzialmente laica con solide convinzioni di fede. Tra le sue opere: Il gabbiano bianco del '93 (3° al Premio Internazionale Magna Graecia), Notturno dell'anima (1996), L'Islam attraverso il tempo e lo spazio (2002), I sassi di Hebron (2002), L'ultima meraviglia del mondo (2002), I racconti del viaggiatore (2004).