Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a 29.90 €

Giulia. La bellezza, l'amore e il vino della marchesa di Barolo

Versione cartacea

Editore: SAN PAOLO EDIZIONI
Genere: Biografie
Altri generi: Romanzo
ISBN: 9788821598463
Tipologia: Libro
Formato: 12x19
Collana:
Anno di edizione:
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 12,00

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 17.90
Editore: SAN PAOLO EDIZIONI
Genere: Biografie
Altri generi: Romanzo
ISBN: 9788821598463
Tipologia: Libro
Formato: 12x19
Collana: Vite esagerate
Anno di edizione: 2016
Giulia è bella, colta e raffinata e appartiene a un’antica e nobile famiglia francese. Quando il padre, con il benestare di Napoleone, la invita a sposare un nobiluomo poco più grande di lei, Giulia non batte ciglio. Quell’uomo non è un nobile qualsiasi, ma Carlo Tancredi Falletti, marchese di Barolo e ciambellano di corte, di idee illuministe e dalla condotta integerrima. Un matrimonio combinato quindi, ma un matrimonio fra spiriti affini. Dalla loro residenza torinese passano Silvio Pellico, Cavour – amico di infanzia di Giulia –, Vittorio Alfieri ma soprattutto poveri, mendicanti, orfani e ammalati, ed è la stessa Giulia a servire i pasti caldi nella mensa allestita nell’androne del palazzo nobiliare. Ma non è sufficiente, mentre Carlo si occupa di sanità e istruzione, Giulia si prende cura delle “forzate” – prostitute, ladre e assassine – rinchiuse in galera e insegna loro a leggere e scrivere e ottiene dal re l’incarico di sovrintendente alle carceri. Una vita, quella di Giulia, spesa interamente per gli ultimi, sorretta dalla fede e dall’amore di Dio, ma non è solo una donna tutto zelo e carità, insieme al marito si dedica anche alla produzione del miglior vino della regione, il Barolo, e introduce innovazioni che permettono l’incremento della produzione del vino e – con i ricavi – finanziano l’Opera Pia Barolo.