Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita in Italia per ordini superiori a € 29,90

Le uova fatali

Versione cartacea

Editore: MONDADORI
Pagine: 120
Genere: Letteratura russa
ISBN: 9788804720997
Tipologia: Libro
Formato: 14x21
Anno di edizione:
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 10,00

Disponibile in circa 3/4 gg

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 19.90
Editore: MONDADORI
Pagine: 120
Genere: Letteratura russa
ISBN: 9788804720997
Tipologia: Libro
Formato: 14x21
Anno di edizione: 2019
Racconto grottesco e brillante distopia, Le uova fatali (1942) mette in scena la terrificante ipotesi di una pianificazione genetica degli uomini mostrando il pericolo di un presunto progresso impossibile da controllare. Da un punto di vista paradossalmente "conservatore", Michail Bulgakov scorge nell'invenzione del raggio rosso portatore di vita, fatta dal professor Persikov in laboratorio, il rischio di ogni rivoluzione tecnologica, ribadendo l'assoluta necessità di subordinare le ideologie e i sistemi al benessere reale dell'uomo. Una sorta di conte philosophique fantascientifico, in cui l'invincibile, ottuso strapotere burocratico e poliziesco genera i mostri che sono fra noi.
MICHAIL AFANAS'EVIC BULGAKOV (Kiev 1891 - Mosca 1940) o della letteratura come ironia. Russo, scrive per il teatro e lavora prima come assistente e poi come regista al Teatro d'arte di Mosca. Osteggiato dalla censura, oppresso dalla miseria e dall'ambiguo rapporto con Stalin che pur ammirandolo gli nega l'espatrio, Bulgakov guarda il suo tempo con un'ironia feroce e con un'incontenibile immaginazione grottesca. Nelle sue storie (Le uova fatali, Diavoleide, Cuore di cane, tutte del 1925) descrive un mondo postrivoluzionario che oscilla tra la più grigia burocrazia e le deformazioni fantastiche del quotidiano. Il Maestro e Margherita è il suo capolavoro, viene pubblicato postumo nel 1966.