Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita in Italia per ordini superiori a € 29,90

L'anno che verrà

Versione cartacea

Editore: ITACA
Pagine: 112
Genere: Attualità
Altri generi: Testimoni
ISBN: 9788852606946
Tipologia: Libro
Formato: 13x20
Collana:
Anno di edizione:
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 11,40 € 12,00
-5%

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 18.50
Editore: ITACA
Pagine: 112
Genere: Attualità
Altri generi: Testimoni
ISBN: 9788852606946
Tipologia: Libro
Formato: 13x20
Collana: Icaro
Anno di edizione: 2021
«È finito! È finito!», gridavano per strada da Milano a Roma a Napoli, allo scoccare della mezzanotte del 31 dicembre 2020.

Sembrava la fine di una guerra. Ma la vittoria non era stata conquistata. Lo è, forse, ora, e tuttavia, ci avvertono, nuove varianti Delta o Kappa sono in agguato. Torneremo a vivere “come prima”? O la scoperta di una drammatica vulnerabilità, in un mondo che prometteva il “diritto alla salute”, ci lascerà addosso un segno perenne? E che cosa conta, cosa è fedele, cosa vale, dopo il Covid?

In questa raccolta di testi tratti da Avvenire Marina Corradi traccia in brevi istantanee di vita quotidiana un diario dell’anno 2021, atteso come un liberatore, e invece aspro ancora. Anno oscillante fra il lutto e la paura e quella speranza e voglia di vivere che sempre, dopo ogni prova, tornano fra gli uomini ‒ come l’essenza della loro stessa natura.
MARINA CORRADI è inviato e editorialista di «Avvenire» e collabora a «Tempi». Ha iniziato a lavorare come cronista di "nera" al quotidiano milanese «La Notte», poi è passata a «Repubblica» e da qui nel 1988 al quotidiano cattolico. Ha ricevuto nel 2006 il premio "Dino Buzzati" della Provincia di Milano e il premio dell'Unione cattolica stampa italiana per il 2007. Nello stesso anno per la rubrica "Prima che venga notte" ha ricevuto uno dei premi giornalistici Saint Vincent, sotto il patrocinio della Presidenza della Repubblica. Ha tre figli.