Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita in Italia per ordini superiori a € 29,90

Vivere il matrimonio

Percorso di verifica per fidanzati e sposi

Versione cartacea

Editore: ARES
Pagine: 176
Genere: Famiglia
Altri generi: Affettività
ISBN: 9788881555574
Tipologia: Libro
Formato: 11x18
Anno di edizione:
Note:
Tag: Famiglia, Matrimonio
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 13,00

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 16.90
Editore: ARES
Pagine: 176
Genere: Famiglia
Altri generi: Affettività
ISBN: 9788881555574
Tipologia: Libro
Formato: 11x18
Anno di edizione: 2012
Note:
Tag: Famiglia, Matrimonio
Che cosa descrive ed esprime più tenacemente la vita dell'uomo? È il desiderio di compiersi nell'altro. È l'affezione. La parola matrimonio, che viene sempre meno utilizzata nel linguaggio dell'intellighenzia culturale, sostituita con termini che si vogliono falsamente sinonimi (coppia, convivenza...), evoca l'espressione piena di un'umanità responsabile che è segno di redenzione dentro la storia, anche attraverso gli aspetti materiali della vita: perché il dover stare insieme è un aspetto materiale, carico di grandezza e di limite. L'affezione reciproca è un sentimento grande, ma al tempo stesso faticoso, come lo è mettere al mondo dei figli ed educarli; come è faticoso far fronte alle necessità economiche del quotidiano, specie alle soglie dell'esperienza coniugale...
Ma che cos'è che rende lieve ogni difficoltà e fa del sacramento del matrimonio uno strumento privilegiato e incarnato della salvezza cristiana? Il suo porsi come segno di contraddizione nel contesto del mondo dominato dagli scopi individualisti e intraterreni del potere e del successo, come luogo della fedeltà , della condivisione tra i due, dell'ospitalità e del sacrificio reciproco e verso gli altri. Luogo del riscontro vivo della fede che riconosce e manifesta l'azione salvifica di Cristo nella storia, apportatrice di un destino di amore e felicità eterni, che chiede di essere vissuto e annunciato, con sguardo non alla terra che finisce, ma al cielo che verrà . In definitiva, nella risposta alla vocazione particolare del matrimonio, gli sposi non possono che diventare memoria e missione dell'amore e del sacrificio di Cristo stesso, e la loro comunione costituisce la cellula originaria della Chiesa, corpo mistico di Cristo, prefigurazione storica della comunità dei santi.
S.E. Mons. LUIGI NEGRI nasce a Milano il 26 novembre 1941. Al liceo Berchet incontra Mons. Luigi Giussani, fondatore di Comunione e Liberazione, di cui diventerà stretto collaboratore. Laureatosi in Filosofia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, diventa assistente alla cattedra di Filosofia Teoretica presso la stessa università. Nell'ottobre del 1967 entra nel Seminario Diocesano di Milano e il 28 giugno 1972 riceve l'ordinazione sacerdotale.
È stato docente di Introduzione alla Teologia e di Storia della Filosofia presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ha pubblicato circa trenta volumi ed una quarantina di saggi. Ha avuto incarichi di insegnamento alla Facoltà Teologica dell’Italia Centrale, di Lugano e al Seminario Vescovile di Albenga. Il 17 marzo 2005 è stato eletto alla sede vescovile della diocesi di San Marino-Montefeltro e il 7 maggio 2005 nel Duomo di Milano ha ricevuto l’ordinazione episcopale per le mani del card. Dionigi Tettamanzi, degli arcivescovi mons. Carlo Cafarra e mons. Paolo Romeo, nunzio per l’Italia e San Marino, e di altri venti vescovi italiani e stranieri. Ha fatto ingresso solenne in diocesi a Pennabilli il 22 maggio 2005. È presidente della Fondazione Internazionale Giovanni Paolo II per il Magistero Sociale della Chiesa che ha sede nella Repubblica di San Marino.
Il 1° dicembre 2012 viene nominato Arcivescovo di Ferrara-Comacchio e Abate di Pomposa.