Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
Ok

Un evento reale nella vita dell'uomo

1990-1991

Versione
cartacea
€ 12,00
Disponibile
Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 17.90
Tipologia
ISBN
9788817064767
Genere
Altri generi
Editore
Collana
Curatore
Julián Carrón
Pagine
300
Formato
13x20
Anno
Note

L’umano viene mosso dalla sordità del niente, dall’inerzia con cui si identifica il niente, da una presenza, solo da una presenza.

Un evento reale nella vita dell’uomo è il settimo volume della serie “L’Equipe”, in cui si riproducono le lezioni e i dialoghi di don Giussani con i responsabili degli universitari di Comunione e Liberazione negli anni 1990 e 1991. Compiendo una lucida valutazione della situazione storica, culturale e politica di quegli anni, l’autore ribadisce ai suoi giovani interlocutori il punto cruciale di una rinascita: in tutte le contingenze della vita, del mondo, della storia, quello che conta, ciò da cui sempre si può partire ha un luogo che si chiama persona. Ma la forza dell’io è in qualcosa d’altro, in qualcosa che viene prima, a cui la persona originalmente appartiene. La stoffa dell’io è dunque consapevolezza dell’avvenimento del Mistero fatto carne, Cristo, che diventa storia nella vita di ciascuno attraverso un incontro e chiede di essere riconosciuto. “Un evento reale nella vita dell’uomo”: questa, sottolinea l’autore, utilizzando le parole di Wittgenstein, è la natura del cristianesimo. Ed è nell’esperienza del riconoscimento e della adesione ad esso, che si verifica il cambiamento più impensabile. Con Cristo, non esiste più il banale: nella normalità del vivere domina il rapporto con l’infinito.
L’umano viene mosso dalla sordità del niente, dall’inerzia con cui si identifica il niente, da una presenza, solo da una presenza.

Un evento reale nella vita dell’uomo è il settimo volume della serie “L’Equipe”, in cui si riproducono le lezioni e i dialoghi di don Giussani con i responsabili degli universitari di Comunione e Liberazione negli anni 1990 e 1991. Compiendo una lucida valutazione della situazione storica, culturale e politica di quegli anni, l’autore ribadisce ai suoi giovani interlocutori il punto cruciale di una rinascita: in tutte le contingenze della vita, del mondo, della storia, quello che conta, ciò da cui sempre si può partire ha un luogo che si chiama persona. Ma la forza dell’io è in qualcosa d’altro, in qualcosa che viene prima, a cui la persona originalmente appartiene. La stoffa dell’io è dunque consapevolezza dell’avvenimento del Mistero fatto carne, Cristo, che diventa storia nella vita di ciascuno attraverso un incontro e chiede di essere riconosciuto. “Un evento reale nella vita dell’uomo”: questa, sottolinea l’autore, utilizzando le parole di Wittgenstein, è la natura del cristianesimo. Ed è nell’esperienza del riconoscimento e della adesione ad esso, che si verifica il cambiamento più impensabile. Con Cristo, non esiste più il banale: nella normalità del vivere domina il rapporto con l’infinito.
continua a leggere
© Itaca srl - P.IVA 02014470393 - 2007-2015 - Tutti i diritti riservati - Informazioni societarie -
Grafica e Comunicazione:
Andrea Cimatti

Piattaforma eCommerce e Sviluppo sito:
Endurance
Credits