Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a 29.90 €

La preghiera e l'immagine

L'esicasmo tardobizantino (XIII-XIV secolo)

Versione cartacea

Editore: JACA BOOK
Pagine: 192
Genere: Saggi
ISBN: 9788816411777
Tipologia: Libro
Formato: 17x24
Anno di edizione:
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 24,00

Disponibile in circa 5/7 gg

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 5.90
Editore: JACA BOOK
Pagine: 192
Genere: Saggi
ISBN: 9788816411777
Tipologia: Libro
Formato: 17x24
Anno di edizione: 2012
Sul Monte Athos, orientativamente tra la seconda metà del 1200 e la seconda metà del 1300, si andò precisando quella specifica forma di ascesi nota come esicasmo. Il primo capitolo del volume è costituito da un’analisi per lo più storico-comparativa dell’esicasmo athonita fra XIII e XIV secolo (il referente principale essendo il sufismo islamico più o meno coevo). In tale periodo emerge, infatti, nella sua forma più elaborata, ciò che chiamiamo «tecnica psicofisica» connessa al «metodo di orazione esicasta». In questa sezione, lo studio si propone di puntualizzare il significato antropologico dei procedimenti esteriori coordinati alla ripetizione della formula di invocazione (prassi respiratoria, posture, ricerca del luogo del cuore, «onfaloscopia»), procedimenti che, sebbene non essenzialmente costitutivi dell’esicasmo, sono da considerarsi tutt’altro che marginali.
Nel secondo capitolo sono trattati alcuni temi connessi alla prassi ascetica in oggetto. Particolare attenzione è rivolta agli aspetti «iconografici» – l’iconografia costituendo una «espressione» della disciplina e della «teologia» esicasta – e alla questione del mundus imaginalis, le cui relazioni con l’attività ermeneutica e con il tema della «tradizione» risultano evidenti; a ciò si collega il problema dell’ermeneutica quale metodo storico-religioso suscettibile di trasformare la vita dello studioso e veicolo di un «ecumenismo dei contemplativi», eventualmente applicabile alle diverse tradizioni religiose.
Una discussione dettagliata è inoltre dedicata ad alcuni temi «operativi» particolarmente significativi (tra gli altri, quelli della nêpsis, «vigilanza», e della mneme toû Theoû, «ricordo di Dio»).
Un inserto iconografico a colori e un glossario dei più importanti termini menzionati sono posti a illustrazione e a integrazione dell’opera.