Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita in Italia per ordini superiori a € 29,90

L'uomo e il sacro nella storia dell'umanità

Versione cartacea

A cura di: Riccardo Nanini (traduzione dal francese)
Editore: JACA BOOK
Pagine: 704
Genere: Saggi
ISBN: 9788816407619
Tipologia: Libro
Formato: 15x23
Collana:
Anno di edizione:
Note: rilegato con copertina rigida e sovraccoperta
DISPONIBILE IN 10 GIORNI LAVORATIVI
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 58,00

Disponibile in circa 3/4 gg

Spedizione gratuita aggiungendo questo libro
A cura di: Riccardo Nanini (traduzione dal francese)
Editore: JACA BOOK
Pagine: 704
Genere: Saggi
ISBN: 9788816407619
Tipologia: Libro
Formato: 15x23
Collana: Di fronte e attraverso
Anno di edizione: 2007
Note: rilegato con copertina rigida e sovraccoperta
DISPONIBILE IN 10 GIORNI LAVORATIVI
Opera Omnia - Volume II

In questo volume, l’autorevole storico delle religioni raccoglie l’eredità di Eliade e Dumézil e fonda il grande ambito del sapere che chiamiamo antropologia del sacro o antropologia delle religioni. Il volume è di per sé sufficiente e autonomo per costituire un’introduzione al nuovo ambito. Solo così le religioni vengono colte nel loro fondamento di ponte tra l’uomo e il suo destino.
È questo fondamento che pone la base del dialogo e, ancor più, dello scambio e dell’alimentazione reciproca tra le varie culture religiose del passato e del presente. Alla nascita di questo nuovo ambito del sapere partecipano tre fattori di indagine: quello storico, quello fenomenologico e quello ermeneutico, capace di indagare il senso profondo dei simboli, dei miti e dei riti (le tre categorie dell’esperienza religiosa che saranno poi specificamente analizzate nel volume IV dell’Opera Omnia di Ries).
Stabilite così le coordinate della sua prospettiva di analisi dei fenomeni religiosi, nella seconda sezione del volume Ries si interroga sui valori e sulle risorse del sacro e studia il ruolo che esso svolge nella vita, nei comportamenti, nelle attività umane, trattando i temi dell’ambiente, della santità, delle reliquie, della preghiera, del sacrificio, degli spazi sacri, dei santuari, dei pellegrinaggi. Il sacro non è un concetto statico, ma dinamico: e il libro si chiude con una indagine sulle sue metamorfosi, sulle sue potenzialità, sui suoi rapporti con la società attuale e con il fenomeno della secolarizzazione.
Opera indispensabile per chi si interessa, da laico, al rapporto tra religioni, che non può essere esaurito da una lettura sociologica delle stesse. Opera fondamentale anche per i cristiani, che nell’antropologia religiosa possono guardare alla storia delle religioni con appassionata simpatia perché segno del legame tra il divino e l’umano e della stessa Rivelazione di Cristo.
JULIEN RIES (Belgio 1920 - 2013) è stato fondatore del Centre d'Histoire des Religions dell'Université Catholique di Louvain-la-Neuve, Belgio, dove ha insegnato per oltre vent'anni Storia delle religioni. È stato presidente dell'Institut Orientaliste di Louvain-la-Neuve (1975-1980) e membro di numerosi comitati scientifici internazionali, tra cui il Consiglio Pontificio per il Dialogo interreligioso (già Segretariato per i non cristiani). Nel gennaio 2012 Ries era stato creato cardinale da papa Benedetto XVI. Dopo una vita dedicata alla ricerca scientifica (era considerato il fondatore dell’antropologia religiosa fondamentale), si è spento il 23 febbraio 2013 all'età di 92 anni.