Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a 29.90 €

L'uomo e il divino nell'Induismo

Versione cartacea

Editore: JACA BOOK
Genere: Outlet
ISBN: 9788810604540
Tipologia: Libro
Formato: 24 x 30
Collana:
Anno di edizione:
Note: cart., ill. col.
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 12,39

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 17.51
Editore: JACA BOOK
Genere: Outlet
ISBN: 9788810604540
Tipologia: Libro
Formato: 24 x 30
Collana: Leggere fa bene
Anno di edizione: 2000
Note: cart., ill. col.
«L'induismo è la religione della grande maggioranza degli abitanti dell'India [...].
L'induismo si fonda su alcune costanti, messe in evidenza dalla ricerca indianista. il Veda, tradizione orale prima di essere messa per iscritto, ha fornito numerose nozioni fondamentali che sono servite a strutturare il pensiero religioso e sociale nel corso dei secoli: l'idea di un ordine cosmico (dharma) che ingloba l'universo, l'uomo e la vita e la cui armonia impedisce il caos; la nozione di un tempo ciclico; un sistema di caste che andrà moltiplicandosi fino a costituire un vero e proprio tessuto sociale; una concezione degli stadi della vita e delle tecniche di liberazione dello spirito (yoga), ereditata forse dall'epoca pre-vedica».
(dall'Introduzione)
JULIEN RIES (Belgio 1920 - 2013) è stato fondatore del Centre d'Histoire des Religions dell'Université Catholique di Louvain-la-Neuve, Belgio, dove ha insegnato per oltre vent'anni Storia delle religioni. È stato presidente dell'Institut Orientaliste di Louvain-la-Neuve (1975-1980) e membro di numerosi comitati scientifici internazionali, tra cui il Consiglio Pontificio per il Dialogo interreligioso (già Segretariato per i non cristiani). Nel gennaio 2012 Ries era stato creato cardinale da papa Benedetto XVI. Dopo una vita dedicata alla ricerca scientifica (era considerato il fondatore dell’antropologia religiosa fondamentale), si è spento il 23 febbraio 2013 all'età di 92 anni.