Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a 29.90 €

Ho visto il maestro!

Il romanzo di Maria Maddalena

Versione cartacea

Editore: GRIBAUDI
Pagine: 200
Genere: Romanzo storico
ISBN: 9788871528021
Tipologia: Libro
Formato: 14 x 21
Anno di edizione:
Note: br.
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 13,50

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 16.40
Editore: GRIBAUDI
Pagine: 200
Genere: Romanzo storico
ISBN: 9788871528021
Tipologia: Libro
Formato: 14 x 21
Anno di edizione: 2005
Note: br.
Protagonista di questo avvincente romanzo è Maria Maddalena che lo scrittore, basandosi sull'antica tradizione della Chiesa d'Occidente, identifica in Maria, sorella di Marta e di Lazzaro di Betania.
Maria, detta Maddalena, era la "pecora nera" di una famiglia assai stimata. Dopo aver abbandonato la casa paterna, ebbe varie avventure che la fecero cadere in preda ai "sette spiriti impuri". Poi incontrò Gesù, fu purificata e in virtù del suo amore ebbe la grande grazia di essere colei che portò agli Apostoli la notizia della risurrezione.
Mescolando finzione letteraria e storia, Dobraczyński ci presenta la sua Maddalena, con l'avvincente racconto della caduta, purificazione e santificazione di una donna sullo sfondo del primo secolo della nostra era, generalmente poco conosciuto.

JAN DOBRACZYŃSKI (1910-1994) è nato a Varsavia, dove ha completato gli studi universitari. Il suo primo libro, Bernanos il romanziere, fu pubblicato nel 1937. Durante la guerra combatté come capitano di cavalleria finché rimase ferito. Negli anni che seguirono si dedicò ad attività politiche clandestine e alla redazione di due riviste sovversive. Fu catturato durante l'insurrezione di Varsavia e mandato a Belsen e in altri campi di concentramento. Quando fu liberato, nel 1945, ritornò in Polonia dedicandosi alla scrittura. Nel 1947 andò in Belgio, Francia e Italia: incontrò Papini, Ungaretti, Mauriac e Cesbron. Negli anni '80 fondò un movimento patriottico di ispirazione cristiana al fine di comporre le gravi tensioni sociali e politiche del suo paese. Fino all'ultimo giorno fu autore fecondo, nonostante la grave malattia agli occhi. La sua produzione letteraria e il gradimento dei suoi testi lo pongono ai primi posti tra gli autori contemporanei polacchi.
È autore di numerosi romanzi quasi costantemente ai vertici delle classifiche librarie, tradotti in 19 lingue.