Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a 29.90 €

Non dimenticarmi

Diario dal lager di un'adolescenza perduta

Versione cartacea

A cura di: Marika Viano (traduzione)
Editore: RIZZOLI
Pagine: 184
Genere: Totalitarismi
Altri generi: Storia contemporanea, Testimoni
ISBN: 9788817028295
Tipologia: Libro
Formato: 13x20
Anno di edizione:
Note: inserto fotografico in b/n fuori testo; rilegato con copertina rigida e sovraccoperta
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 17,00

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 12.90
A cura di: Marika Viano (traduzione)
Editore: RIZZOLI
Pagine: 184
Genere: Totalitarismi
Altri generi: Storia contemporanea, Testimoni
ISBN: 9788817028295
Tipologia: Libro
Formato: 13x20
Anno di edizione: 2009
Note: inserto fotografico in b/n fuori testo; rilegato con copertina rigida e sovraccoperta
"Amore, finora tutto va molto meglio del previsto." È il 1° giugno 1943, Helga Deen, giovane ebrea olandese appena deportata al campo di raccolta di Vught, comincia ad annotare le impressioni sulla vita di prigionia, nel suo diario e nelle lettere al suo ragazzo Kees van den Berg. Non sa che pochi giorni la separano dalla morte, che presto un nuovo convoglio condurrà lei e la sua famiglia a Westerbork e poi a Sobibór, dove li attende la camera a gas. Ma sa di essere protagonista di una tragedia e ripone nell'inseparabile quaderno le sue speranze di diciottenne determinata a non rinunciare alla vita, a scrivere per non lasciarsi annullare: anche lei vedrà bambini stipati nei vagoni in arrivo, pratiche umilianti, esecuzioni di massa e l'abiezione degli animi avviliti; ma giorno per giorno annoterà sensazioni e sentimenti, ricordi e aspettative, in cerca di un senso. Helga e Kees non si sarebbero mai rivisti. Al giovane non sarebbe rimasto di lei che il diario, miracolosamente passato oltre le mura del campo di Vught, una ciocca di capelli, qualche lettera inviata dalla prigionia e l'amarezza di vedersi rispedire al mittente le ultime parole d'amore. "Pare che qui ci si dimentichi tutto", dice Helga, ma la sua scrittura sfida all'oblio.