Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a 29.90 €

Un mondo a parte

Versione cartacea

A cura di: Gaspare Magi (traduttore)
Editore: MONDADORI
Pagine: 384
Genere: Totalitarismi
Altri generi: Storia contemporanea
ISBN: 9788804683902
Tipologia: Libro
Formato: 12,7x19,7
Anno di edizione:
Note: Con un dossier di testi e documenti d'archivio
Tag: Russia
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 15,00

Disponibile in circa 5/7 gg

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 14.90
A cura di: Gaspare Magi (traduttore)
Editore: MONDADORI
Pagine: 384
Genere: Totalitarismi
Altri generi: Storia contemporanea
ISBN: 9788804683902
Tipologia: Libro
Formato: 12,7x19,7
Anno di edizione: 2017
Note: Con un dossier di testi e documenti d'archivio
Tag: Russia

Tra i ghiacci della Siberia, i prigionieri lavorano senza sosta nei boschi a temperature polari: nello stomaco brodo di cavoli e pochi grammi di pane. Sola via d'uscita le automutilazioni che aprono le porte dell'ospedale; unico paradiso, qualche giorno di riposo e una coperta. Con una scrittura di straziante impersonalità che mette il lettore davanti ai nudi fatti, Gustaw Herling – intellettuale cosmopolita che ha vissuto sulla propria pelle lo scandalo del Male nella storia del Secolo breve – racconta il gulag in questo indimenticabile libro-testimonianza che è quasi un Bildungsroman. Tra i ghiacci della Siberia, i prigionieri lavorano senza sosta nei boschi a temperature polari: nello stomaco brodo di cavoli e pochi grammi di pane. Sola via d’uscita le automutilazioni che aprono le porte dell’ospedale; unico paradiso, qualche giorno di riposo e una coperta. Pubblicato a Londra nel 1951, in Italia nel 1958 e solo negli anni Ottanta in Polonia, Un mondo a parte – ha scritto Ignazio Silone – «malgrado tutti gli orrori che descrive, è un libro di pietà e di speranza»

Introduzione di Francesco M. Cataluccio