Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita in Italia per ordini superiori a € 29,90

Il bisogno e il sogno

Conserve Italia: una bella storia di cooperazione

Versione cartacea

Editore: ITACA
Pagine: 192
Genere: Management
ISBN: 9788852605062
Tipologia: Libro
Formato: 14x21
Collana:
Anno di edizione:
Note: cartonato con sovracoperta
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 15,20 € 16,00
-5%

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 14.70
Editore: ITACA
Pagine: 192
Genere: Management
ISBN: 9788852605062
Tipologia: Libro
Formato: 14x21
Collana: Persone e Imprese
Anno di edizione: 2016
Note: cartonato con sovracoperta
Tra la fine degli anni Cinquanta e gli anni Sessanta in ambito agricolo sorsero molte cooperative come risposta al bisogno di dignità e di valorizzazione economica del lavoro degli agricoltori. Mentre la società cambiava rapidamente e molti abbandonavano la terra pensando che non vi fosse futuro, tanti coltivarono il sogno che, mettendosi insieme, si potesse vivere da protagonisti il proprio essere agricoltori.
Che quel sogno non fosse utopia lo testimonia la storia di Conserve Italia, un consorzio cooperativo che oggi è ai vertici del settore agroalimentare. Proprio grazie alle dimensioni raggiunte, essa può dare una prospettiva ai propri soci, valorizzandone la produzione attraverso adeguati sbocchi sul mercato con i suoi marchi prestigiosi.
Le dimensioni non le hanno fatto perdere la sua natura. Come emerge da queste pagine, nei passaggi cruciali che l’hanno resa grande essa ha sempre scelto di conservare la propria identità di cooperativa fatta di persone che si mettono insieme per portare frutto. Buoni frutti.
Giuliano Vecchi è nato a Modena il 30 marzo 1936. Laureato in Scienze economiche, ha diretto tra gli anni Sessanta e Settanta la Confcooperative di Modena e l’Unione regionale. Negli anni
Ottanta è stato segretario generale di Confcooperative e ha rappresentato il movimento cooperativo in Europa. È presidente della Cooperativa agrituristica Corte d’Aibo a Monteveglio.