Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita in Italia per ordini superiori a € 29,90

La bellezza salverà il mondo

Versione cartacea

Editore: ARES
Pagine: 272
Genere: Saggistica
ISBN: 9788881554744
Tipologia: Libro
Formato: 13x21
Anno di edizione:
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 16,00

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 13.90
Editore: ARES
Pagine: 272
Genere: Saggistica
ISBN: 9788881554744
Tipologia: Libro
Formato: 13x21
Anno di edizione: 2009
La dimensione estetica è essenziale nella vita umana. A detta di Dostoevskij (I demoni), la bellezza è «il vero frutto dell’umanità intera e, forse, il frutto più alto che mai possa essere». «Quale bellezza salverà il mondo?», si chiede allora lo scrittore russo nell’Idiota. Attraversando la storia dell’estetica dalla sua concezione antica, «interrogando – come scrive Stefano Zecchi in Prefazione – la tradizione e testimoniandola nella nostra contemporaneità con potente vigore, questo libro coraggioso» giunge alle conclusioni che furono di Charles Moeller in Saggezza greca e paradosso cristiano: la bellezza dell’arte su questa Terra è superata dalla bellezza dei santi, quindi dell’uomo, che di Dio è immagine. «La gloria di Dio è l’uomo vivente», aveva affermato prima di lui icasticamente sant’Ireneo. Il percorso del volume investe i campi artistici letterario (Iacopone, Dante, Petrarca, Tasso, Shakespeare, Manzoni, Dostoevskji, Zola, Peguy, Wilde, Ungaretti...), figurativo (Michelangelo, Raffaello e tanti altri fino a oggi) e quello filosofico (Platone, Aristotele, san Tommaso, Kant, Croce...) sorpresi sotto la luce portata dal fatto cristiano. «Presi per mano dall’autore – commenta sr. Maria Gloria Riva in Postfazione – apriamo gli occhi su quel brutto a cui ci siamo abituati e che sta diventando categoria di giudizio e veniamo pian piano istradati dentro quella via pulchritudinis che davvero rappresenta l’urgenza educativa del nostro tempo».
Giovanni Fighera (Monza 1971) è laureato in Lettere moderne con specializzazione e perfezionamenti in letteratura e in linguistica. Insegna Italiano e Latino nei licei e collabora con il dipartimento di Filologia moderna dell’Università degli Studi di Milano.

È giornalista e scrive per La Nuova Bussola Quotidiana, Il Sussidiario.net, Tempi.it, Studi cattolici, Fogli e clanDestino.

Con le edizioni Ares ha pubblicato cinque volumi, tutti letti integralmente su Radio Vaticana: Che cos’è, dunque, la felicità, mio caro amico? (2008), La Bellezza salverà il mondo (2009), «Amor che move il sole e l’altre stelle». L’amore, l’uomo, l’Infinito (2010), Che cos’è mai l’uomo perché di lui ti ricordi? L’io, la crisi, la speranza (2012), Tra i banchi di scuola (2014).

Tiene corsi sulla Commedia e su I Promessi Sposi, cineforum per adulti e per ragazzi, incontri su temi sollecitati dai libri.

Ha due siti blog personali: La ragione del cuore e Il sugo della storia (presso Tempi.it).

Ha vinto il Premio Capri San Michele 2013 sezione giovani con Che cos’è mai l’uomo, perché di lui ti ricordi? L’io, la crisi, la speranza.