Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita in Italia per ordini superiori a € 29,90

"Che cos'è dunque la felicità, mio caro amico?"

Versione cartacea

Editore: ARES
Genere: Saggi
ISBN: 9788881554348
Tipologia: Libro
Formato: 13x21
Anno di edizione:
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 14,00

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 15.90
Editore: ARES
Genere: Saggi
ISBN: 9788881554348
Tipologia: Libro
Formato: 13x21
Anno di edizione: 2008
"Che cos'è dunque la felicità, mio caro amico? E se la felicità non esiste, che cos'è dunque la vita?", chiede Giacomo Leopardi all'amico belga A. Jacopssen. Perché l'uomo sia protagonista della sua storia, occorre che mantenga viva questa domanda nella sua forma primigenia, come esigenza di felicità infinita. L'opera, frutto di molteplici letture e di anni di insegnamento, si propone come un originale percorso letterario ed esistenziale, nel tentativo di riproporre in tutta la sua ampiezza la domanda del Recanatese e di suggerire un'ipotesi di ricerca nel confronto costante fra lui e altri grandi autori della tradizione.
La struttura è quadripartita. Nella prima parte si indaga il cuore dell’uomo come capacità ed esigenza di infinito. Nella seconda parte vengono esaminati i palliativi cui l’uomo ricorre per sopperire al desiderio di felicità. Nella terza parte ci si sofferma su alcune intuizioni che il Recanatese ha riguardo al raggiungimento della felicità. Tra queste, la più geniale è la necessità che l’Infinito si possa incontrare nella propria vita, si renda sperimentabile. Nella quarta e ultima sezione («La felicità») si parte proprio dall’esperienza dell’incontro, della conversione e del fascino della vita cambiata (Milosz, Manzoni, Dante, Calvino...), cui non è risparmiato il mistero della sofferenza (Mounier...). Alla luce dell’incontro con Cristo e della fede, si può fin da ora intuire il compimento dell’umano, da cui dipende la pienezza della felicità, e nella chiamata individuale a un destino eterno riscoprirsi per davvero protagonisti della Storia (Cesbron).

Prefazione di Mons. Luigi Negri
Giovanni Fighera (Monza 1971) è laureato in Lettere moderne con specializzazione e perfezionamenti in letteratura e in linguistica. Insegna Italiano e Latino nei licei e collabora con il dipartimento di Filologia moderna dell’Università degli Studi di Milano.

È giornalista e scrive per La Nuova Bussola Quotidiana, Il Sussidiario.net, Tempi.it, Studi cattolici, Fogli e clanDestino.

Con le edizioni Ares ha pubblicato cinque volumi, tutti letti integralmente su Radio Vaticana: Che cos’è, dunque, la felicità, mio caro amico? (2008), La Bellezza salverà il mondo (2009), «Amor che move il sole e l’altre stelle». L’amore, l’uomo, l’Infinito (2010), Che cos’è mai l’uomo perché di lui ti ricordi? L’io, la crisi, la speranza (2012), Tra i banchi di scuola (2014).

Tiene corsi sulla Commedia e su I Promessi Sposi, cineforum per adulti e per ragazzi, incontri su temi sollecitati dai libri.

Ha due siti blog personali: La ragione del cuore e Il sugo della storia (presso Tempi.it).

Ha vinto il Premio Capri San Michele 2013 sezione giovani con Che cos’è mai l’uomo, perché di lui ti ricordi? L’io, la crisi, la speranza.