Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a 29.90 €

Terri Schiavo e l'umano nascosto

La medicina tecnologica e lo stato vegetativo

Versione cartacea

Editore: SOCIETA EDITRICE FIORENTI
Genere: Bioetica
Altri generi: Medicina, Storie di vita
ISBN: 9788860320179
Tipologia: Libro
Formato: 12,5x19,5
Anno di edizione:
Tag: Medicina & Persona
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 10,00

Disponibile in circa 5/7 gg

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 19.90
Editore: SOCIETA EDITRICE FIORENTI
Genere: Bioetica
Altri generi: Medicina, Storie di vita
ISBN: 9788860320179
Tipologia: Libro
Formato: 12,5x19,5
Anno di edizione: 2006
Tag: Medicina & Persona
È a tutti nota la vicenda umana di Terri Schiavo. Una giovane donna in stato vegetativo che un giudice ha condannato a morte per disidratazione nonostante avesse ancora chi desiderava prendersi cura di lei.
Che cosa è lo stato vegetativo? Quale domanda di cura e di assistenza pone e perché rispondervi? Chi sono gli uomini e le donne che si trovano in questa condizione e che dire della loro vita che misteriosamente continua?
Questo libro raccoglie le riflessioni di un medico che da anni assiste i malati nelle condizioni di Terri Schiavo presso il reparto "Stati Vegetativi" del Centro don Orione di Bergamo. L'autore cerca di dare risposta a queste drammatiche questioni non con un piccolo manuale "scientifico", ma narrando di un valore e di una dignità che sussistono inalterati, di una relazione ancora possibile, di un bene ancora sperimentabile, di una ragionevole speranza ancora coltivabile.

Prefazione di Adriano Pessina
GIOVANNI BATTISTA GUIZZETTI, medico chirurgo, specializzato in Geriatria e Gerontologia, da dieci anni si occupa dello stato vegetativo prolungato. È responsabile di un reparto che accoglie venti soggetti in stato vegetativo presso il Centro don Orione di Bergamo. Nel 2005 è stato membro di una commissione tecnico-scientifica istituita presso il Ministero della Salute per definire le linee guida del trattamento e della diagnosi di questa condizione.