Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a 29.90 €

Chi sono i nemici della scienza?

Riflessioni su un disastro educativo e culturale e documenti di malascienza

Versione cartacea

Editore: LINDAU
Genere: Scienza
ISBN: 9788871807232
Tipologia: Libro
Formato: 14x21
Anno di edizione:
Note: brossurato con alette
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 24,00

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 5.90
Editore: LINDAU
Genere: Scienza
ISBN: 9788871807232
Tipologia: Libro
Formato: 14x21
Anno di edizione: 2008
Note: brossurato con alette
Molti lamentano la crisi della cultura scientifica e la diffusione di un analfabetismo scientifico e tecnologico che inizia nella scuola e sarebbe alimentato da una diffusa ostilità nei confronti della scienza. Il modo di curare questa malattia consisterebbe nel propinare una overdose di informazione e divulgazione scientifica improntata a immagini positive e in contrasto con la cultura umanistica "parolaia".
Questo libro si propone di dimostrare che il male ha cause ben diverse. La crisi attuale è alimentata da fautori di un rozzo scientismo di stampo positivistico, dai divulgatori che presentano in modo magico e acritico ogni risultato scientifico-tecnologico e da coloro che escludono la scienza della cultura, riducendola a tecniche di "problem-solving", a mera abilità pratica, in definitiva priva di attrattive per chi continui a nutrire interesse per la conoscenza
Il volume collega la crisi della cultura scientifica a un disastro che sta sgretolando le fondamenta delle strutture dell'istruzione. Sotto l'influsso di teorie pedagogico-didattiche sedicenti progressiste la scuola si sta trasformando da luogo di formazione e di cultura in un laboratorio di metodologia dell'auto apprendimento.
Il libro è concentrato sul caso italiano ma molte delle riflessioni sviluppate hanno valore più generale e mettono in luce un processo che è espressione di una crisi della cultura occidentale in alcuni dei suoi nodi nevralgici: la cultura scientifica, la scienza e il suo insegnamento.
GIORGIO ISRAEL è professore ordinario di Storia della matematica presso l'Università di Roma "La Sapienza". È autore di circa duecento pubblicazioni e di una quindicina di libri.