Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie. Ulteriori informazioni
Ok

Lettere a una carmelitana scalza

1960-2013

Versione
cartacea
€ 24,00
Disponibile
Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 0.90
Tipologia
ISBN
9788852605192
Genere
Altri generi
Editore
Collana
Curatore
Emanuela Ghini
Pagine
304
Formato
14x21
Anno
Note
rilegato con sovracoperta

Le lettere di Giacomo Biffi a suor Emanuela Ghini ci fanno conoscere “dal di dentro” una grande figura di pastore-teologo della Chiesa del XX secolo.

Esse documentano la vivacità e l’intensità di un dialogo durato oltre cinquant’anni, dal 1960 al 2013.

«Soprattutto testimoniano la fede granitica e una visione globale del cristianesimo, risposta alle più profonde domande esistenziali, di Giacomo Biffi. Tutta la sua vita, nelle sue varie tappe, ha un riscontro in quanto egli racconta, con semplicità arguta e anticonformista ma insieme attenzione e cura di maestro nei confronti della corrispondente indocile e a volte ribelle, contestatrice e mai arresa al fatto cristiano» (dall’introduzione di Emanuela Ghini).

«Sicuramente legava i due un comune amore, ragionato e argomentato, per il Signore. Però non c’è dubbio che le lettere siano oggettivamente testi di direzione spirituale; e come tali possono arricchire anche l’ignoto e ignaro lettore» (dalla postfazione di Matteo Maria Zuppi).

Prefazione di Carlo Caffarra
Postfazione di Matteo Maria Zuppi

Le lettere di Giacomo Biffi a suor Emanuela Ghini ci fanno conoscere “dal di dentro” una grande figura di pastore-teologo della Chiesa del XX secolo.

Esse documentano la vivacità e l’intensità di un dialogo durato oltre cinquant’anni, dal 1960 al 2013.

«Soprattutto testimoniano la fede granitica e una visione globale del cristianesimo, risposta alle più profonde domande esistenziali, di Giacomo Biffi. Tutta la sua vita, nelle sue varie tappe, ha un riscontro in quanto egli racconta, con semplicità arguta e anticonformista ma insieme attenzione e cura di maestro nei confronti della corrispondente indocile e a volte ribelle, contestatrice e mai arresa al fatto cristiano» (dall’introduzione di Emanuela Ghini).

«Sicuramente legava i due un comune amore, ragionato e argomentato, per il Signore. Però non c’è dubbio che le lettere siano oggettivamente testi di direzione spirituale; e come tali possono arricchire anche l’ignoto e ignaro lettore» (dalla postfazione di Matteo Maria Zuppi).

Prefazione di Carlo Caffarra
Postfazione di Matteo Maria Zuppi

continua a leggere
© Itaca srl - P.IVA 02014470393 - 2007-2015 - Tutti i diritti riservati - Informazioni societarie -
Grafica e Comunicazione:
Andrea Cimatti

Piattaforma eCommerce e Sviluppo sito:
Endurance
Credits