Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita in Italia per ordini superiori a € 29,90

Cose nuove e cose antiche

Scritti (1967-1975)

Versione cartacea

A cura di: Samuele Pinna, Davide Riserbato
Editore: CANTAGALLI
Pagine: 288
Genere: Saggi
ISBN: 9788868795061
Tipologia: Libro
Formato: 14,5x21
Anno di edizione:
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 18,00

Disponibile in circa 3/4 gg

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 11.90
A cura di: Samuele Pinna, Davide Riserbato
Editore: CANTAGALLI
Pagine: 288
Genere: Saggi
ISBN: 9788868795061
Tipologia: Libro
Formato: 14,5x21
Anno di edizione: 2017
ll libro che il lettore ha tra le mani raccoglie alcuni testi di Giacomo Biffi risalenti agli anni del suo ministero sacerdotale milanese (1960-1975). In queste pagine si ritroveranno la stessa forza, la passione e l'umorismo che costituiscono, per così dire, il marchio di fabbrica dell'intera produzione del Cardinale. Vi si troveranno parole nuove, giovani e fresche, proprio perché antica è la loro sorgente. Si potrà apprezzare la pastorale chiara e concreta del parroco Biffi, si potranno cogliere i fermenti e le speranze dei primi anni del postconcilio, respirare le incertezze e il disorientamento che la società e la Chiesa negli anni della "contestazione" andava sperimentando. Furono gli anni del "miracolo economico", della "cultura del lavoro", ma anche anni di crisi e di eventi funesti, di «subbuglio ideologico, morale, ecclesiastico e sociale» (Memorie e digressioni di un italiano cardinale). Mensilmente cadenzata e liturgicamente ritmata, nel suo percorrere diverse volte l'intero ciclo annuale delle stagioni, con le sue rassicuranti monotonie ma anche con le sue sorprendenti e spesso disorientanti novità, questa lettura si configura come una retrospettiva che - per usare le parole dello stesso Giacomo Biffi - «ci dà il senso della continuità della Chiesa (...) al di sopra del mutare degli uomini e delle circostanze. Al di là di tutto ciò che cambia, "Cristo è lo stesso - come sta scritto - ieri e oggi e nei secoli"».

GIACOMO BIFFI è nato a Milano il 13 giugno 1928, ha compiuto gli studi ecclesiastici nei seminari dell'Arcidiocesi Ambrosiana ed è stato ordinato sacerdote il 23 dicembre 1950 dall'arcivescovo card. Schuster. Laureatosi in teologia nel 1955, dopo qualche anno di insegnamento teologico ha fatto il parroco, prima a Legnano, poi nella metropoli lombarda. Questa evoluzione si rispecchia nelle sue pubblicazioni: più orientate alla ricerca e alla riflessione speculativa le prime, al servizio della meditazione, della vita dello spirito, dell'impegno pastorale le più recenti.
Dopo essere stato vescovo ausiliare nella Chiesa di Milano, è stato dal 1984 arcivescovo di Bologna, emerito dal 2003. Cardinale dal 1985, è membro delle Congregazioni per il Clero, per l'Educazione Cattolica e per l'Evangelizzazione dei Popoli.
È autore di numerose pubblicazioni a carattere teologico e catechetico, fra le quali: Alla destra del Padre (Vita e Pensiero 1967, Jaca Book 2004), Contro Maestro Ciliegia. Commento teologico a «Le avventure di Pinocchio» (Jaca Book 1977, Mondadori 1998), Io credo. Esposizione della fede cattolica (Jaca Book 1980), La Bella, la bestia e il cavaliere (Jaca Book 1984), Esplorando il disegno... (Elledici 1994), La sposa chiacchierata. Invito all'ecclesiocentrismo (Jaca Book 1998), Gesù di Nazaret, centro del cosmo e della storia (Elledici 2000), Liber Pastoralis Bononiensis (EDB 2002). Ha pure collaborato alla pubblicazione dell'Opera Omnia di S. Ambrogio (Città Nuova e Biblioteca Ambrosiana) e all'Opera omnia di S. Pietro Crisologo (Città Nuova e Biblioteca Ambrosiana 1996).
Muore a Bologna l'11 luglio 2015 dopo un lungo periodo di ricovero