Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
Ok

La freschezza più cara

Poesie scelte

Versione
cartacea
€ 9,50
Disponibile
Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 20.40
Tipologia
ISBN
9788817020695
Genere
Altri generi
Editore
Curatore
Antonio Spadaro; Viola Papetti (traduzione dall'inglese)
Formato
12,5x20
Anno
Note
testo inglese a fronte
Leggere un poeta significa assumere il suo sguardo sulle cose, sulla realtà, sulla vita. La potenza dirompente dei versi di Gerard Manley Hopkins consiste innanzitutto nella loro capacità di modificare lo sguardo del lettore, nel loro appello a sentire e gustare ogni cosa nella sua assoluta unicità.
Hopkins è considerato a ragione uno dei fondatori della poesia inglese moderna. Lo sguardo del poeta, sebbene maturato al crogiuolo di una sofferenza profonda, è tutto teso a scoprire la "freschezza" del reale, e non indugia su ciò che è stagnante e induce a disperare o a credere che tutto sia destinato a finire.
In fondo alle cose vive una freschezza fiammeggiante, sorgiva, e la bellezza non svanisce col suo tramonto.

«Generazioni hanno camminato, camminato, camminato;
e tutto è arso dal traffico; consunto, macchiato dalla fatica;
[...]
E, malgrado tutto questo, natura non è mai esaurita;
là, nel profondo delle cose, vive la più cara freschezza».
Leggere un poeta significa assumere il suo sguardo sulle cose, sulla realtà, sulla vita. La potenza dirompente dei versi di Gerard Manley Hopkins consiste innanzitutto nella loro capacità di modificare lo sguardo del lettore, nel loro appello a sentire e gustare ogni cosa nella sua assoluta unicità.
Hopkins è considerato a ragione uno dei fondatori della poesia inglese moderna. Lo sguardo del poeta, sebbene maturato al crogiuolo di una sofferenza profonda, è tutto teso a scoprire la "freschezza" del reale, e non indugia su ciò che è stagnante e induce a disperare o a credere che tutto sia destinato a finire.
In fondo alle cose vive una freschezza fiammeggiante, sorgiva, e la bellezza non svanisce col suo tramonto.

«Generazioni hanno camminato, camminato, camminato;
e tutto è arso dal traffico; consunto, macchiato dalla fatica;
[...]
E, malgrado tutto questo, natura non è mai esaurita;
là, nel profondo delle cose, vive la più cara freschezza».
continua a leggere
© Itaca srl - P.IVA 02014470393 - 2007-2015 - Tutti i diritti riservati - Informazioni societarie -
Grafica e Comunicazione:
Andrea Cimatti

Piattaforma eCommerce e Sviluppo sito:
Endurance
Credits