Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a € 29,90

Il tribunale del bene

La storia di Moshe Bejski, l'uomo che creò il Giardino dei giusti

Versione cartacea

Editore: MONDADORI
Genere: Totalitarismi
Altri generi: Storia contemporanea, Testimoni
ISBN: 9788804525684
Tipologia: Libro
Formato: 13,5x20
Anno di edizione:
Note: ristampa (I ediz. Oscar storia 2004); fotografie in bianco e nero fuori testo
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 11,00

Disponibile in circa 5/7 gg

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 18.90
Editore: MONDADORI
Genere: Totalitarismi
Altri generi: Storia contemporanea, Testimoni
ISBN: 9788804525684
Tipologia: Libro
Formato: 13,5x20
Anno di edizione: 2008
Note: ristampa (I ediz. Oscar storia 2004); fotografie in bianco e nero fuori testo
Esiste a Gerusalemme un luogo chiamato Giardino dei giusti, dove ogni albero piantato ricorda un uomo che durante la Shoah ha salvato almeno un ebreo dalla persecuzione nazista. A idearlo è stato Moshe Bejski, che ha saputo trasformare il suo destino personale in un esempio universale. Perseguitato dai nazisti durante l'invasione della Polonia, è scampato alla deportazione grazie all'intervento di Oskar Schindler. Dopo il conflitto mondiale Bejski ha pagato il debito di gratitudine verso il suo salvatore conducendo una campagna controcorrente affinché Schindler venisse onorato, al pari di molti altri "gentili" che aiutarono gli ebrei, riuscendo a far riconoscere il valore straordinario della "memoria del bene" e restituendo alle vittime la speranza e la forza di ricominciare.
GABRIELE NASSIM (Milano 1950), saggista, ha fondato nel 1982 "L'ottavo giorno", rivista italiana sul tema del dissenso nei paesi dell'Est europeo. Per le reti di Canale 5 e della Svizzera italiana ha realizzato documentari sull'opposizione clandestina ai regimi comunisti, sui problemi del postcomunismo e sulla condizione ebraica nei paesi dell'Est. Ha collaborato con il "Mondo", "Il Giornale" e il "Corriere della Sera". Per Mondadori ha pubblicato Ebrei invisibili (con Gabriele Eschenazi, 1995), L'uomo che fermò Hitler (1998), Il tribunale del bene (2003) e Una bambina contro Stalin (2007).