Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a € 29,90

Più forti dell'odio

Versione cartacea

Editore: QIQAJON
Pagine: 284
Genere: Ordini religiosi
Altri generi: Testimoni
ISBN: 9788882273156
Tipologia: Libro
Formato: 13x20,5
Anno di edizione:
Tag: Martiri di Algeria
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 15,00

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 14.90
Editore: QIQAJON
Pagine: 284
Genere: Ordini religiosi
Altri generi: Testimoni
ISBN: 9788882273156
Tipologia: Libro
Formato: 13x20,5
Anno di edizione: 2010
Tag: Martiri di Algeria
La vicenda dei monaci uccisi in Algeria che ha ispirato il film “Uomini di Dio” vincitore del Gran Premio della giuria al Festival di Cannes 2010:

“Di notte,
quando altri prendono le armi,
prendete l’evangelo!”


“In un momento in cui molti pensano all’islam come nemico, il gesto di chi si lascia sgozzare amando il proprio carnefice è l’estremo rifiuto della logica dell’inimicizia, è l’unico atto che può porre fine alla catena delle rivalse e delle vendette. È il caso serio del cristianesimo... Con il martirio un cristianesimo che sembra incapace di comunicare agli uomini d’oggi ritrova improvvisamente la forza di suscitare domande e di inquietare le coscienze. Gli scritti dei sette monaci sono dettati da un amore più forte dell’odio, dalla vita più forte della morte: nella loro forza ed essenzialità ci mostrano che solo chi ha una ragione per morire ha anche una ragione per vivere”.
dalla Prefazione di Enzo Bianchi

Fr. Christian de Chergé era il priore del monastero trappista di Notre-Dame de l’Atlas in Algeria. Assieme a sei suoi confratelli venne rapito da fondamentalisti islamici il 26 marzo 1996: furono tutti sgozzati il 21 maggio seguente. Ora essi riposano nel piccolo cimitero di Tibhirine, vegliati dagli amici musulmani che essi non avevano voluto abbandonare negli anni più violenti della barbarie in Algeria.