Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
Ok

L'uomo al centro - Vol. 2

Dall’unità medievale alla perdita dell’io
2. L'Età dei Lumi e il Romanticismo

Versione
cartacea
€ 10,00 ( -15%)
€ 8,50
Disponibile
Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 19.90
Tipologia
ISBN
9788852602054
Genere
Altri generi
Editore
Collana
Pagine
128
Formato
15x23
Anno
Note
copertina con alette
Compendio di storia della cultura italiana ed europea in 3 volumi

L’autore ci offre uno sguardo sintetico su dieci secoli di cultura europea che ha posto al centro l’uomo. Ma separandosi da Dio ne ha reso irriconoscibile il volto.

Volume 2 - L'Età dei Lumi e il Romanticismo
L’Età dei Lumi mette a fuoco l’autosufficienza dell’uomo, appellandosi alla sua razionalità: la ragione è elevata a signora del mondo fisico e del mondo etico e la nuova scienza della natura documenta la sua potenza. La ragione ha il compito di rischiarare la realtà, combattendo le tenebre dell’ignoranza. Prende forma per la prima volta nella storia un’ideologia che ha l’ambizione di guidare le coscienze, interpretando il cosmo e governando il cambiamento della società. Si afferma una nuova antropologia, le cui categorie fondamentali sono il cosmopolitismo e l’individualismo, e si attua una profonda rottura con la tradizione religiosa, culturale e istituzionale dell’Europa.
«E io, che sono?» La domanda leopardiana sintetizza la svolta della sensibilità romantica. La questione del significato delle cose e dell’esistenza individuale impegna tutte le facoltà e occupa ogni dimensione dell’uomo. L’uomo ha un destino che lo chiama a guardare oltre la finitezza della ragione e ad affacciarsi sull’infinito. La cultura dell’Occidente europeo riprende confidenza con il senso del mistero e dell’unicità originale dell’io.
Compendio di storia della cultura italiana ed europea in 3 volumi

L’autore ci offre uno sguardo sintetico su dieci secoli di cultura europea che ha posto al centro l’uomo. Ma separandosi da Dio ne ha reso irriconoscibile il volto.

Volume 2 - L'Età dei Lumi e il Romanticismo
L’Età dei Lumi mette a fuoco l’autosufficienza dell’uomo, appellandosi alla sua razionalità: la ragione è elevata a signora del mondo fisico e del mondo etico e la nuova scienza della natura documenta la sua potenza. La ragione ha il compito di rischiarare la realtà, combattendo le tenebre dell’ignoranza. Prende forma per la prima volta nella storia un’ideologia che ha l’ambizione di guidare le coscienze, interpretando il cosmo e governando il cambiamento della società. Si afferma una nuova antropologia, le cui categorie fondamentali sono il cosmopolitismo e l’individualismo, e si attua una profonda rottura con la tradizione religiosa, culturale e istituzionale dell’Europa.
«E io, che sono?» La domanda leopardiana sintetizza la svolta della sensibilità romantica. La questione del significato delle cose e dell’esistenza individuale impegna tutte le facoltà e occupa ogni dimensione dell’uomo. L’uomo ha un destino che lo chiama a guardare oltre la finitezza della ragione e ad affacciarsi sull’infinito. La cultura dell’Occidente europeo riprende confidenza con il senso del mistero e dell’unicità originale dell’io.
continua a leggere

dallo stesso autore

© Itaca srl - P.IVA 02014470393 - 2007-2015 - Tutti i diritti riservati - Informazioni societarie -
Grafica e Comunicazione:
Andrea Cimatti

Piattaforma eCommerce e Sviluppo sito:
Endurance
Credits