Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a 29.90 €

Sola a presidiare la fortezza

Lettere

Versione cartacea

A cura di: Ottavio Fatica; Giovanna Granato (traduzione)
Editore: EINAUDI
Pagine: 164
Genere: Letteratura americana
ISBN: 9788806140700
Tipologia: Libro
Formato: 12x19,5
Anno di edizione:
Note: ESAURITO DA EDITORE
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 9,30

Disponibile in circa 5/7 gg

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 20.60
A cura di: Ottavio Fatica; Giovanna Granato (traduzione)
Editore: EINAUDI
Pagine: 164
Genere: Letteratura americana
ISBN: 9788806140700
Tipologia: Libro
Formato: 12x19,5
Anno di edizione: 2001
Note: ESAURITO DA EDITORE
Scrittura, malattia, grazia: un itinerario emozionante nell'anima più sana, nel corpo più sofferente e nella mente più lucida della letteratura americana.

Pur affetta da un male inarrestabile, tenuto a bada da cure altrettanto dolorose, l'energia per scrivere non era mai mancata a Flannery O'Connor: «è l'unico compito per una come me». Così, dopo le tre ore quotidiane di lavoro ai testi, la vediamo affacciarsi sul mondo divertita, caustica, curiosa, piena di joie de vivre. «Stanca di parlare di gente che non esiste a gente che non esiste», allaccia fitte corrispondenze con persone in carne e ossa. Ha una voracità mai sazia di ogni aspetto del reale e, a partire dalla fattoria in Georgia, seguiamo le imprese dei suoi celebri pavoni e quelle di un giovanissimo Cassius Clay, l'arrivo di un nuovo bracciante e l'assassinio di John Kennedy, l'esilarante partecipazione a una conferenza in provincia e l'ultima argomentazione che va affinando nella sempiterna battaglia spirituale, la lavorazione certosina di un racconto e la scoperta di un nuovo autore o amico.
Ritroviamo nelle lettere tutti gli elementi che fanno grande l'opera: visionarietà, crudezza e compassione, pronunciamenti adamantini sulle cose della vita e dell'arte, un umorismo mai tenuto a freno, e mai domato, e un alone di grazia repentino e stuporoso come la ruota del pavone. Accompagnando una Flannery «prematuramente arrogante», attraverso i brevi anni di una vita «impavida, alacre, acre, accanita, splendida e inappariscente» (Robert Lowell), fino agli ultimi dispacci dai confini della morte, si capirà perche non bisogna chiedere che malattia ha una persona, bensì con chi la malattia ha a che fare.

«Le bellissime lettere di Flannery O'Connor, dove una squisita e spietata ironia controlla ogni sentimento, ci fanno assistere alla tremenda evoluzione del male».
Pietro Citati
FLANNERY O'CONNOR (1925-1964), scrittrice americana riscoperta recentemente anche dalla critica italiana.