Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
Ok

La schiena di Parker

Scritti e racconti

Versione
cartacea
€ 11,00
Disponibile
Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 18.90
Tipologia
ISBN
9788817047708
Genere
Editore
Curatore
Davide Rondoni e Maria Serena Falagiani
Formato
12x19
Anno
Flannery O'Connor, considerata una delle migliori scrittrici americane del prima dopoguerra, rimane una pietra di scandalo per la maggioranza dei critici, che pur affanandosi a cercare di scoprire le ragioni della scrittura - simbolica e realista, regionalista e universale, grottesca e letterale -, sono spesso distanti dall'individuare la sua autentica poetica. Per lei può valere quanto Pavese scriveva a proposito di William Faulkner: "Non è... né il campione nazionale dell'igienica moralità, né il sovvertitore, altrettanto puritano, degli schemi moralisti nazionali, come sono nel Nordamerica tutti i ribelli da trent'anni a questa parte".
Immedesimandosi nelle vicende dei personaggi dei suoi racconti, Flannery O'Connor porta il lettore a confrontarsi con le grandi questioni dell'esistenza - il senso della vita, la libertà e il destino, i sentimenti e la dimensione metafisica -, e con il mistero che, inatteso e imprevedibile, si manifesta sempre nella vita dell'uomo, offrendogli la possibilità di comprendere la caducità delle certezze sulle quali è fondata l'esistenza.
Flannery O'Connor, considerata una delle migliori scrittrici americane del prima dopoguerra, rimane una pietra di scandalo per la maggioranza dei critici, che pur affanandosi a cercare di scoprire le ragioni della scrittura - simbolica e realista, regionalista e universale, grottesca e letterale -, sono spesso distanti dall'individuare la sua autentica poetica. Per lei può valere quanto Pavese scriveva a proposito di William Faulkner: "Non è... né il campione nazionale dell'igienica moralità, né il sovvertitore, altrettanto puritano, degli schemi moralisti nazionali, come sono nel Nordamerica tutti i ribelli da trent'anni a questa parte".
Immedesimandosi nelle vicende dei personaggi dei suoi racconti, Flannery O'Connor porta il lettore a confrontarsi con le grandi questioni dell'esistenza - il senso della vita, la libertà e il destino, i sentimenti e la dimensione metafisica -, e con il mistero che, inatteso e imprevedibile, si manifesta sempre nella vita dell'uomo, offrendogli la possibilità di comprendere la caducità delle certezze sulle quali è fondata l'esistenza.
continua a leggere
© Itaca srl - P.IVA 02014470393 - 2007-2015 - Tutti i diritti riservati - Informazioni societarie -
Grafica e Comunicazione:
Andrea Cimatti

Piattaforma eCommerce e Sviluppo sito:
Endurance
Credits