Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
Ok

Memorie dal sottosuolo

Versione
cartacea
€ 8,00
Disponibile
Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 21.90
Tipologia
ISBN
9788817865593
Genere
Altri generi
Editore
Curatore
Milli Martinelli (traduzione e note)
Pagine
144
Formato
13x20
Anno
Note
I edizione "I grandi romanzi Bur"
Un libro inaudito, fra i maggiori di Dostoevskij» (Romolo Bugaro)

Le date, nel caso di Dostoevskij scrittore anticipatore e profetico, sono importanti. Siamo nel 1864. Sigmund Freud, che è nato nel 1856, ha già otto anni. Dunque il sottosuolo, questa crisalide dell'inconscio freudiano, durerà ancora circa trent'anni. Poi cambierà nome e carattere; starà a indicare non più un mistero interpretabile in molti modi, ma una struttura psicologica rigorosamente articolata e relativamente prevedibile. In Dostoevskij, il sottosuolo era la sede del "male", vecchio mostro inconoscibile. Con Freud diventa l'inconscio, teatro sotterraneo di un dramma recitato sempre nello stesso modo, sempre dagli stessi tre attori. Del "male", non si parlerà più; esso c'è, beninteso, ma è conoscibile e, in qualche misura, evitabile. Per il decadentismo europeo, poi, questo "male" diventerà, a livello politico-letterario, addirittura il "bene".

Introduzione di Alberto Moravia
Un libro inaudito, fra i maggiori di Dostoevskij» (Romolo Bugaro)

Le date, nel caso di Dostoevskij scrittore anticipatore e profetico, sono importanti. Siamo nel 1864. Sigmund Freud, che è nato nel 1856, ha già otto anni. Dunque il sottosuolo, questa crisalide dell'inconscio freudiano, durerà ancora circa trent'anni. Poi cambierà nome e carattere; starà a indicare non più un mistero interpretabile in molti modi, ma una struttura psicologica rigorosamente articolata e relativamente prevedibile. In Dostoevskij, il sottosuolo era la sede del "male", vecchio mostro inconoscibile. Con Freud diventa l'inconscio, teatro sotterraneo di un dramma recitato sempre nello stesso modo, sempre dagli stessi tre attori. Del "male", non si parlerà più; esso c'è, beninteso, ma è conoscibile e, in qualche misura, evitabile. Per il decadentismo europeo, poi, questo "male" diventerà, a livello politico-letterario, addirittura il "bene".

Introduzione di Alberto Moravia
continua a leggere
© Itaca srl - P.IVA 02014470393 - 2007-2015 - Tutti i diritti riservati - Informazioni societarie -
Grafica e Comunicazione:
Andrea Cimatti

Piattaforma eCommerce e Sviluppo sito:
Endurance
Credits