Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a € 29,90

L'idiota

Versione cartacea

A cura di: Eugenia Maini, Elena Mantelli (traduzione)
Editore: MONDADORI
Pagine: 910
Genere: Romanzo
Altri generi: Letteratura russa
ISBN: 9788804671886
Tipologia: Libro
Formato: 12,6x19,6
Anno di edizione:
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 14,00

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 15.90
A cura di: Eugenia Maini, Elena Mantelli (traduzione)
Editore: MONDADORI
Pagine: 910
Genere: Romanzo
Altri generi: Letteratura russa
ISBN: 9788804671886
Tipologia: Libro
Formato: 12,6x19,6
Anno di edizione: 2016

Il principe Myskin, l'ultimo erede di una grande famiglia decaduta, è una creatura spiritualmante superiore, la cui "idiozia" consiste in una fede assoluta negli altri. Dopo un lungo soggiorno in Svizzera, al ritorno in patria si trova coinvolto in un vortice di storie d'amore vissute con passione torbida e violenta e che hanno come protagonista il giovane Rogozin, la bellissima Nastasja e l'aristocratico Aglaja. Un'intricatissima sequenza di avvenimenti, raccontati con ritmo incalzante, in cui sfocia un'immensa mole di materiale: da Cristo alla cronaca giudiziaria russa, dall'Apocalisse alla polemica con il socialismo. "Dostoevskij - scrive Vittorio Strada - creò con L'idiota un romanzo enigmatico e limpido, i cui significati non si consumano in un'unica lettura e rinascono con una nuova attualità; un romanzo che avvince e che sgomenta, ipnotizza e provoca, un romanzo insieme luminoso e tenebroso, il cui nucleo è la passione".

Con introduzione di Igor Sibaldi e un saggio di Hermann Hesse 

FËDOR MICHAJLOVIC DOSTOEVSKIJ (1821-1881), uno dei più grandi narratori di sempre. Nel 1849 lo condannano a morte. Davanti al plotone d'esecuzione la condanna è trasformata in quattro anni di lavori forzati in Siberia. Dopo di allora romanzi immensi (Delitto e castigo, I fratelli Karamazov, I demoni, Il giocatore, L'idiota). Lavora come giornalista, si sposa, ha un figlio, comincia a perdere al gioco. Moglie e figlio muoiono, si risposa. Continua a scrivere, sempre. Racconta il suo tempo e tutti i tempi. Vive una vita viscerale. Muore all'improvviso, famoso.