Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a € 29,90

I fratelli Karamazov

Versione cartacea

A cura di: Pina Maiani, Laura Satta Boschian, Ettore Lo Gatto
Editore: RIZZOLI
Pagine: 834
Genere: Letteratura russa
Altri generi: Romanzo
ISBN: 9788817107952
Tipologia: Libro
Formato: 13x20
Anno di edizione:
Tag: Amici
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 15,00

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 14.90
A cura di: Pina Maiani, Laura Satta Boschian, Ettore Lo Gatto
Editore: RIZZOLI
Pagine: 834
Genere: Letteratura russa
Altri generi: Romanzo
ISBN: 9788817107952
Tipologia: Libro
Formato: 13x20
Anno di edizione: 2016
Tag: Amici

La colpa e l’espiazione, il rapporto con Dio, il tormento della libertà, l’impotenza di fronte alla sofferenza umana. Le vicende dei Fratelli Karamazov – l’ultimo, grande capolavoro scritto da Dostoevskij prima di morire – indagano tra le pieghe più oscure dell’animo umano, in costante tensione sul labile confine tra Bene e Male. Per dare voce ai dilemmi più profondi e radicali, Dostoevskij mette in scena il parricidio del vecchio e meschino Fëdor Karamazov: in seguito alla sua morte, i quattro figli diventano il centro di un dramma ancora oggi di sconcertante potenza, attraversato da riflessioni che penetrano gli insanabili contrasti dell’essere umano e trovano il loro apice nella leggenda del “Grande Inquisitore”, vetta indiscussa del pensiero politico e religioso dello scrittore russo. E il lettore non può che essere gettato nel vortice degli avvenimenti, inevitabilmente penetrato dalla dolente umanità di un’opera che ha la dignità del sacro.

Introduzione di Vittorino Andreoli

FËDOR MICHAJLOVIC DOSTOEVSKIJ (1821-1881), uno dei più grandi narratori di sempre. Nel 1849 lo condannano a morte. Davanti al plotone d'esecuzione la condanna è trasformata in quattro anni di lavori forzati in Siberia. Dopo di allora romanzi immensi (Delitto e castigo, I fratelli Karamazov, I demoni, Il giocatore, L'idiota). Lavora come giornalista, si sposa, ha un figlio, comincia a perdere al gioco. Moglie e figlio muoiono, si risposa. Continua a scrivere, sempre. Racconta il suo tempo e tutti i tempi. Vive una vita viscerale. Muore all'improvviso, famoso.