Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a 29.90 €

Tre drammi di poesia

La grande passeggiata - Natura morta con attori - Agamennone

Versione cartacea

Editore: EDIZIONI DI PAGINA
Pagine: 150
Genere: Poesia
ISBN: 9788874705610
Tipologia: Libro
Formato: 222x155
Anno di edizione:
Note: Brossurato con alette
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 17,00

Disponibile in circa 5/7 gg

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 12.90
Editore: EDIZIONI DI PAGINA
Pagine: 150
Genere: Poesia
ISBN: 9788874705610
Tipologia: Libro
Formato: 222x155
Anno di edizione: 2017
Note: Brossurato con alette
I tre testi riuniti in questo volume costituiscono una trilogia dell’identità esistenziale, del rapporto dell’individuo con la Storia. La grande passeggiata s’ispira a un celebre fatto di cronaca: la clamorosa vicenda che nel 2011 aveva visto l’ex direttore del Fondo Monetario Internazionale Dominique Strauss-Kahn accusato di stupro e stroncato nella sua ascesa politica viene qui rivista e trasfigurata in una micidiale trappola tragica. Natura morta con attori è molte cose insieme: un’inedita versione dell’omicidio Pasolini, un thriller filosofico, un dramma da camera visionario e tesissimo, sviluppato come un redde rationem veritativo tra un uomo e una donna che, in una sera qualunque della vita, decidono di essere – per una volta – «assolutamente sinceri», interrogandosi senza pietà, dicendosi finalmente tutto.Agamennone è una riscrittura postmoderna del classico tragico in cui gli elementi e i personaggi del dramma eschileo vengono messi a reazione, scatenati l’uno contro l’altro fino alle estreme conseguenze, in una tensione d’amore e di rabbia, erotismo e cupezza, tristezza e furore: un’opera intima ed epica insieme, estremamente contemporanea, che rivela una potente e validissima nuova versione nella tradizione di riscrittura del mito greco. Le storie sono diverse, la lingua è affidata a una scrittura poetica intensa e a una versificazione serrata, la drammaturgia è ambiziosa e mira continuamente alla commistione dei generi letterari – poesia e teatro, performance e narrazione – in un sogno di «totalità linguistica» oltranzistico e spregiudicato.