Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita in Italia per ordini superiori a € 29,90

Catone l'antico

Versione cartacea

Editore: ARES
Pagine: 440
Genere: Letteratura italiana
Altri generi: Romanzo
ISBN: 9788881556557
Tipologia: Libro
Formato: 15x21
Anno di edizione:
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 18,00

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 11.90
Editore: ARES
Pagine: 440
Genere: Letteratura italiana
Altri generi: Romanzo
ISBN: 9788881556557
Tipologia: Libro
Formato: 15x21
Anno di edizione: 2015
È anzitutto la storia di un uomo, Marco Porzio Catone (Cato maior), emblema della romanità in un tempo di mutamenti epocali, che sorprendentemente per certi aspetti richiama il nostro. Durante tutta la vita Catone è un contadino, oltre che soldato, console, censore, oratore, storico e anche verseggiatore nell'arcaico metro saturnio. Intorno a lui c'è il popolo romano esso pure culturalmente ancora di contadini, il quale quasi senza volerlo, trascinato dalla storia, nello spazio di soli cinquant'anni finisce col soggiogare l'intero mondo conosciuto. Nei suoi diversi incarichi Catone affronta con grande fermezza i maggiori pericoli che minacciano Roma: tra essi la corruzione (che la grande cultura greca entrando nel giovane mondo romano si trascina al seguito), l'economia di Cartagine (fondata sullo schiavismo elevato al massimo grado), e l'eccesso di popolarità degli stessi generali romani emergenti. Resi con la forza della grande letteratura tornano nel romanzo a vivere sotto i nostri occhi gli uomini di allora: popolani, nobiles, schiavi, legionari, sordidi affaristi (che Catone pretore scaccia dalla sua provincia), le severe donne romane, i liberi barbari della Spagna, i temerari pirati illirici, i Greci orgogliosi ma ormai incapaci di indipendenza. Tornano in particolare a vivere, uscendo dai monumenti in cui li ha pietrificati la storia, i due maggiori contendenti di allora: Scipione (naturaliter christianus, secondo Corti) e Annibale, lo stratega incomparabile, che non riesce a salvare dalla rovina la sua amatissima patria.

EUGENIO CORTI è nato e vive in Brianza. Ha esordito nel 1947 con I più non ritornano, diario della ritirata in Russia. È internazionalmente noto per il romanzo Il cavallo rosso (1983), tradotto in numerose lingue, mirabile affresco dell’Italia e dell’Europa dal 1945 al 1970. Tra le opere successive: Gli ultimi soldati del re, romanzo che narra le vicende dei soldati dell’esercito regolare che hanno combattuto contro i tedeschi in Italia dal 1944 al 1945; i saggi L’esperimento comunista, sintesi di ciò che è costato all’umanità il comunismo, e Il fumo nel Tempio, sulla crisi del mondo cattolico.