Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a 29.90 €

Lettere (1941-1943)

Edizione integrale

Versione cartacea

A cura di: Chiara Passanti, Tina Montone e Ada Vigliani (traduzione)
Editore: ADELPHI
Genere: Totalitarismi
Altri generi: Storia contemporanea, Testimoni
ISBN: 9788845928291
Tipologia: Libro
Formato: 14x21
Anno di edizione:
Note: contiene inserto fotografico in b/n; brossurato con alette
Tag: I 30 libri da leggere prima dei 30 anni, Shoah
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 22,00

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 7.90
A cura di: Chiara Passanti, Tina Montone e Ada Vigliani (traduzione)
Editore: ADELPHI
Genere: Totalitarismi
Altri generi: Storia contemporanea, Testimoni
ISBN: 9788845928291
Tipologia: Libro
Formato: 14x21
Anno di edizione: 2014
Note: contiene inserto fotografico in b/n; brossurato con alette
Tag: I 30 libri da leggere prima dei 30 anni, Shoah
Il Diario di Etty Hillesum ha commosso i lettori di tutto il mondo, ed è ormai considerato fra le testimonianze più alte delle vittime della persecuzione nazista. Ora la versione integrale delle Lettere, scritte in gran parte dal lager di Westerbork – dove Etty andò di sua spontanea volontà, per portare soccorso e amore agli internati, e per «aiutare Dio» a non morire in loro –, ci permette di udire la sua voce fino all'ul­timo, fino alla cartolina gettata dal vagone merci che la conduce ad Auschwitz: «Ab­biamo lasciato il campo cantando». A Wes­terbork Etty vive «l'inferno degli altri», senza «illusioni eroiche», recando parole vere là dove il linguaggio è degradato a gergo, là dove i fossati del rancore dividono gli stessi prigionieri, contrapponendo ebrei olandesi a ebrei tedeschi. La resistenza al male si compie in lei attraverso l'amicizia – nata nel campo o mantenuta viva con chi è rimasto libero e manda viveri e lettere –, attraverso la fede e grazie ai libri (come le poesie di Rilke) e alla natura: anche sopra le baracche corrono le nuvole e volano i gabbiani e brilla l'Orsa Maggiore. Per scrivere la storia del lager ci sarebbe voluto un poeta, non bastava la nuda cronaca, aveva detto un giorno un internato a Etty. Non sapeva che quel poema stava già prendendo forma, lettera dopo lettera. E che, da quel fazzoletto di brughiera recintata e battuta da turbini di sabbia, sarebbe giunto fi­no a noi rompendo un silenzio di decenni.