spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita in Italia per ordini superiori a € 29,90

Diario di un amore perduto

Versione cartacea

Editore: E/O
Pagine: 192
Genere: Narrativa e poesia
Altri generi: Racconti
ISBN: 9788833572956
Tipologia: Libro
Anno di edizione:
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 15,68 € 16,50
-5%

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 14.23
Editore: E/O
Pagine: 192
Genere: Narrativa e poesia
Altri generi: Racconti
ISBN: 9788833572956
Tipologia: Libro
Anno di edizione: 2021
Cosa vuol dire realmente perdere la madre? Al di là dell’effetto a caldo, al di là del legittimo dolore, ciò che pervade il successivo lutto è la sensazione di assenza, o meglio dell’assenza di una parte di noi stessi, di una componente essenziale della nostra vita nelle piccole cose come nelle questioni capitali. In questo diario del proprio lutto Schmitt racconta come ha vissuto i due anni successivi al decesso della madre, anni in cui il ricordo e la sofferenza si spartiscono il tempo dell’autore con gli impegni pressanti imposti dagli impegni letterari e teatrali. Così troviamo Schmitt in tournée all’estero che istintivamente prende il telefono per annunciare alla madre il successo dello spettacolo, prima di ricordarsi che è morta, o lo vediamo vestire i panni dell’attore in Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano mentre ripensa alla prima volta che, bambino, la madre l’ha portato a teatro. Ma i ricordi, si sa, si allargano a macchia d’olio, così riaffiorano gli episodi della sua infanzia che gradualmente l’hanno portato a capire che sarebbe diventato uno scrittore, così ripercorre il difficile rapporto col padre vedendolo sotto un’altra luce, e nel fare questo rivisita il proprio concetto di serenità, di bellezza, di esistenza. Non è un romanzo di fantasia. Anche se non manca di ironia, è un libro profondo, autentico, vissuto, un diario che racconta di sensazioni in cui molti si riconosceranno.

ERIC-EMMANUEL SCHMITT (Lione 1960) è oggi il romanziere e drammaturgo francese di maggiore successo al mondo. Le sue opere sono state tradotte in venticinque lingue e rappresentate in trenta nazioni.