Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita per ordini superiori a € 29,90

Pirandello's story

La vita o si vive o si scrive

Versione cartacea

Editore: JACA BOOK
Pagine: 360
Genere: Saggi
ISBN: 9788816407640
Tipologia: Libro
Formato: 15x23
Collana:
Anno di edizione:
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 24,00

Disponibile in circa 5/7 gg

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 5.90
Editore: JACA BOOK
Pagine: 360
Genere: Saggi
ISBN: 9788816407640
Tipologia: Libro
Formato: 15x23
Collana: Di fronte e attraverso
Anno di edizione: 2007
Questo libro propone un’avventura narrativa nell’universo pirandelliano. Si dice giustamente che uno scrittore è nei suoi testi, ma è anche vero che nei testi c’è tutta la persona che scrive. Vita e opera compongono uno stretto complesso significante e la pretesa di rescinderlo rischia di far cadere nel cattivo biografismo o nello sterile formalismo. Tanto meno destino ed espressione sono separabili in un autore per il quale, come tante volte ha ripetuto, la vita o si vive o si scrive: nell’opera di Pirandello è racchiuso un destino di non-vita tutto da esplorare, se si punta al cuore di un mondo espressivo che, per poter essere, ha vampirizzato un’intera esistenza. Dunque qui non si fa biografia e non si fa interpretazione di testi, si fa semplicemente la storia di un destino che è diventato opera, magari con l’ausilio del narrato e del dialogato. Se c’è biografismo, questo non riguarda la vita come serie aneddotica di eventi, ma il vissuto, cioè l’interiorizzazione fantasmatica dell’esistenza in quanto tale. Se c’è saggismo, non è esercizio interpretativo fine a se stesso, ma lettura in filigrana del lavoro testuale di quel fantasmatico. Se c’è romanzo, non ha nulla di romanzesco, ma è semplicemente costruzione di ponti narrativi ben fondati sui supporti documentari, interni o esterni all’opera.
Gli otto capitoli del libro sono centrati su nuclei tematici ritenuti i più significativi per l’esplorazione in profondità del complesso significante vita-opera, col privilegio concesso al tema dell’amore, determinante presenza-assenza in quel complesso. Se infatti l’amore latita grandemente, la sua nostalgia è tanto forte da governare tutti i percorsi dell’attività creativa. E solo questa radicale nostalgia, che certo rimanda alla Cosa materna, è in grado di spiegare la vana e mai scalfita passione per Marta Abba, l’attrice che ha per intero occupato la vita e la fantasia dello scrittore nei suoi ultimi dieci anni. Una passione tanto intensa quanto dolorosa, perché connessa a deficit psicologici originali, che hanno a che vedere con la «paura d’impazzire», tante volte confessata e poi drammaticamete confermata dalla follia della moglie Antonietta, oltre che presente in tutta l’opera nelle forme dell’io diviso, dell’impossibile identità, dell’orrore per la sessualità, dell’umorismo, insomma nella fenomenologia schizoide in tutte le sue implicazioni.

ELIO GIOANOLA è nato a San Salvatore Monferrato (AL) nel 1934. Insegna Letteratura italiana nella Facoltà di Lettere dell'Università di Genova.