Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
spendi qui la carta docente 18 app sfoglia il catalogo Spedizione gratuita in Italia per ordini superiori a € 29,90

La Madre di Dio del Don

Storia di un capolavoro

Versione cartacea

A cura di: Giovanna Parravicini
Editore: LA CASA DI MATRIONA
Pagine: 84
Genere: Arte cristiana
ISBN: 9788897455257
Tipologia: Libro
Formato: 22x24,5
Anno di edizione:
Acquistabile con 18app e Carta del Docente
€ 18,00

Disponibile

Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 11.90
A cura di: Giovanna Parravicini
Editore: LA CASA DI MATRIONA
Pagine: 84
Genere: Arte cristiana
ISBN: 9788897455257
Tipologia: Libro
Formato: 22x24,5
Anno di edizione: 2018
La collana di volumi sulle icone che maggiormente hanno segnato la storia e la fede del popolo russo prosegue – dopo le pubblicazioni dedicate alla «Trinità» di Andrej Rublev e alla «Madre di Dio di Vladimir» – con questa splendida icona mariana, una delle più antiche e celebri opere presenti nella collezione della Galleria Tret’jakov di Mosca.
La storia di quest’icona, che oltre a essere un capolavoro artistico divenne ben presto oggetto di grande venerazione, è indissolubilmente legata a un particolare momento storico e circondata da affascinanti leggende. Viene attribuita al celebre artista Teofane il Greco, proveniente da Costantinopoli e operante nella Rus’ tra la fine del XIV e l’inizio del XV secolo. Gli sarebbe stata commissionata per celebrare la vittoria degli eserciti russi riportata nel 1380 contro gli invasori tatari sul campo di Kulikovo.
Le approfondite ricerche e gli esami tecnologici a cui è stata sottoposta l’antica tavola permettono oggi di ritrovare il filo di connessione fra la tradizione e le scarne notizie documentarie che ne abbiamo, oltre che di descrivere e analizzare le particolarità della straordinaria pittura dell’opera, l’intento artistico e spirituale del suo autore e i suoi legami con le opere bizantine e russe del tempo.
«Il ruolo della Madre di Dio è prima di tutto quello di testimone: attesta l’autenticità dell’Incarnazione avvenuta attraverso di lei, la realtà del sacrificio redentivo attraverso cui si è compiuta la salvezza, e infine l’adempiersi della promessa divina circa la gloria celeste preparata per l’umanità redenta, che essa per prima ha condiviso con suo Figlio. Cristo appare nella pienezza della sua divinità e regalità, e la Madre di Dio gli sta accanto come la regina “in ori di Ofir” del profetico testo del Sal 44».