Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.
Ok

Come una quercia

Storia di Rolando Rivi seminarista martire

Versione
cartacea
€ 8,00 ( -15%)
€ 6,80
Spedizione gratuita comprando questo prodotto + un altro da € 21.90
Tipologia
ISBN
9788852604546
Genere
Altri generi
Editore
Pagine
32
Formato
12x22,5
Anno
Note

Spettacolo teatrale scritto e diretto da Davide Giandrini
con Daniele Bentivegna

Rolando Rivi nasce da genitori contadini il 7 gennaio 1931 a San Valentino, una piccola frazione di Castellarano, in provincia di Reggio Emilia.
A soli undici anni, nel 1942, mentre l’Italia è in guerra, decide di entrare nel seminario di Marola.
Nell’estate del 1944 i soldati tedeschi occupano il seminario. Rolando, sotto la guida del parroco don Olinto Marzocchini, continua gli studi da casa vestendo sempre l’abito talare e offrendo in paese una potente testimonianza di amore per il suo “amico Gesù”.

Sono gli anni in cui si sviluppa un grande odio contro i sacerdoti, e Rolando viene preso di mira dai partigiani comunisti che, il 10 aprile del 1945, sequestrano il giovane seminarista chiudendolo in un casolare dove lo torturano per tre giorni. Il 13 aprile, Rolando, a soli 14 anni, viene spogliato a forza della sua veste talare, e trascinato in un bosco alle Piane di Monchio, dove viene ucciso con due colpi di pistola.

Spettacolo teatrale scritto e diretto da Davide Giandrini
con Daniele Bentivegna

Rolando Rivi nasce da genitori contadini il 7 gennaio 1931 a San Valentino, una piccola frazione di Castellarano, in provincia di Reggio Emilia.
A soli undici anni, nel 1942, mentre l’Italia è in guerra, decide di entrare nel seminario di Marola.
Nell’estate del 1944 i soldati tedeschi occupano il seminario. Rolando, sotto la guida del parroco don Olinto Marzocchini, continua gli studi da casa vestendo sempre l’abito talare e offrendo in paese una potente testimonianza di amore per il suo “amico Gesù”.

Sono gli anni in cui si sviluppa un grande odio contro i sacerdoti, e Rolando viene preso di mira dai partigiani comunisti che, il 10 aprile del 1945, sequestrano il giovane seminarista chiudendolo in un casolare dove lo torturano per tre giorni. Il 13 aprile, Rolando, a soli 14 anni, viene spogliato a forza della sua veste talare, e trascinato in un bosco alle Piane di Monchio, dove viene ucciso con due colpi di pistola.

continua a leggere
© Itaca srl - P.IVA 02014470393 - 2007-2015 - Tutti i diritti riservati - Informazioni societarie -
Grafica e Comunicazione:
Andrea Cimatti

Piattaforma eCommerce e Sviluppo sito:
Endurance
Credits